Normativa e prassi
Versamenti tributari: scatta lo stop
per l’alluvione d’autunno in Emilia
La pausa si applica alle persone fisiche e alle imprese che, nei giorni dell’emergenza maltempo, avevano la residenza oppure la sede legale od operativa nei territori colpiti dall’evento
Versamenti tributari: scatta lo stop|per l’alluvione d’autunno in Emilia
In 21 comuni delle province di Piacenza e Parma, i versamenti e gli adempimenti tributari, inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione e gli atti di accertamento esecutivi, in scadenza tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2016, vanno in standby, a causa delle eccezionali avversità meteorologiche che li hanno flagellati nei giorni 13 e 14 settembre dello scorso anno.
Lo stabilisce il decreto 12 febbraio 2016 firmato dal ministro dell’Economia e delle Finanze, anticipato sul sito del Df e in procinto di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
 
La disposizione di sospensione è diretta non soltanto alle persone fisiche che, nei giorni interessati dall’evento calamitoso, avevano la residenza o la sede operativa della propria attività nel territorio di uno dei comuni individuati dal Dm, ma anche alle aziende localizzate (con sede legale od operativa) in quegli stessi luoghi.
 
Restano invece fuori dallo stop le ritenute di competenza dei sostituti d’imposta, che devono ordinariamente operarle e versarle. A questi, tuttavia, in caso di impossibilità ad adempiere, è applicabile la disposizione di “salvaguardia” dettata dall’articolo 6, comma 5, del Dlgs 472/1997: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per forza maggiore”.
 
I pagamenti e gli adempimenti sospesi dovranno essere effettuati in un’unica soluzione, entro il prossimo 15 luglio.
 
Questi i comuni interessati dal provvedimento:
  • Provincia di Parma – Compiano, Varsi
  • Provincia di Piacenza – Bettola, Bobbio, Cerignale, Coli, Corte Brugnatella, Farini, Ferriere, Gazzola, Lugagnano, Morfasso, Ottone, Piacenza (frazioni Borghetto, Roncaglia e Sant’Antonio località Case di Rocco), Podenzano, Ponte dell’Olio, Pontenure, Rivergaro, San Giorgio Piacentino, Travo, Vigolzone.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 17 Febbraio 2016

I più letti

Fra le novità illustrate, l’introduzione di ulteriori indicatori di territorialità, i correttivi per la revisione congiunturale speciale, le semplificazioni alla modulistica
immagine di libro aperto con bilancia, simbolo della giustizia
È stato introdotto il concetto di ultra-tardività della dichiarazione presentata dal sostituto d'imposta, con penalità pari alla metà di quella ordinaria prevista per l'omissione totale
L’articolo 20 del Testo unico sul registro “attribuisce preminente rilievo all’intrinseca natura e agli effetti giuridici dell’atto, rispetto al suo titolo e alla sua forma apparente”
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
I sessanta giorni per emanare l'avviso riguardano i soli casi di accesso, ispezione o verifica nei locali destinati all'esercizio dell'attività
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Fra le novità illustrate, l’introduzione di ulteriori indicatori di territorialità, i correttivi per la revisione congiunturale speciale, le semplificazioni alla modulistica
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario