Normativa e prassi
Versamenti tributari: scatta lo stop
per l’alluvione d’autunno in Emilia
La pausa si applica alle persone fisiche e alle imprese che, nei giorni dell’emergenza maltempo, avevano la residenza oppure la sede legale od operativa nei territori colpiti dall’evento
Versamenti tributari: scatta lo stop|per l’alluvione d’autunno in Emilia
In 21 comuni delle province di Piacenza e Parma, i versamenti e gli adempimenti tributari, inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione e gli atti di accertamento esecutivi, in scadenza tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2016, vanno in standby, a causa delle eccezionali avversità meteorologiche che li hanno flagellati nei giorni 13 e 14 settembre dello scorso anno.
Lo stabilisce il decreto 12 febbraio 2016 firmato dal ministro dell’Economia e delle Finanze, anticipato sul sito del Df e in procinto di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
 
La disposizione di sospensione è diretta non soltanto alle persone fisiche che, nei giorni interessati dall’evento calamitoso, avevano la residenza o la sede operativa della propria attività nel territorio di uno dei comuni individuati dal Dm, ma anche alle aziende localizzate (con sede legale od operativa) in quegli stessi luoghi.
 
Restano invece fuori dallo stop le ritenute di competenza dei sostituti d’imposta, che devono ordinariamente operarle e versarle. A questi, tuttavia, in caso di impossibilità ad adempiere, è applicabile la disposizione di “salvaguardia” dettata dall’articolo 6, comma 5, del Dlgs 472/1997: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per forza maggiore”.
 
I pagamenti e gli adempimenti sospesi dovranno essere effettuati in un’unica soluzione, entro il prossimo 15 luglio.
 
Questi i comuni interessati dal provvedimento:
  • Provincia di Parma – Compiano, Varsi
  • Provincia di Piacenza – Bettola, Bobbio, Cerignale, Coli, Corte Brugnatella, Farini, Ferriere, Gazzola, Lugagnano, Morfasso, Ottone, Piacenza (frazioni Borghetto, Roncaglia e Sant’Antonio località Case di Rocco), Podenzano, Ponte dell’Olio, Pontenure, Rivergaro, San Giorgio Piacentino, Travo, Vigolzone.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 17 Febbraio 2016

I più letti

immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste una serie di agevolazioni per singole operazioni effettuate
immagine di due maschere bianche
L’amministrazione finanziaria deve intervenire e procedere anche se il soggetto frammesso è veramente esistente e le operazioni contestate sono state effettivamente compiute
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
La qualifica è acquisibile da associazioni con o senza personalità giuridica, comitati, fondazioni, società cooperative e altri enti privati purché perseguano finalità meritevoli di tutela
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dopo la verifica dei presupposti, l’Agenzia dà il via libera per la restituzione della somma, che le imprese accreditano sulla prima bolletta utile e, comunque, entro 45 giorni