Normativa e prassi
Voluntary disclosure bis. Più tempo
per aderire all’emersione spontanea
Il rinvio tiene conto delle richieste rappresentate dalle associazioni professionali in relazione agli adempimenti fiscali da effettuare su richiesta di contribuenti e sostituti d’imposta
Voluntary disclosure bis. Più tempo|per aderire all’emersione spontanea
Prorogato dal 31 luglio al 30 settembre 2017 il termine per l’adesione alla voluntary disclosure bis. In realtà, il rinvio è fino al prossimo 2 ottobre visto che la nuova data, stabilita con il Dpcm 28 luglio 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì, cade di sabato.
 
Il decreto prevede, quindi, una finestra più ampia rispetto alla riapertura dei termini fissati con l’articolo 7 del Dl 193/2016, che introduce l’articolo 5-octies all’interno del Dl 167/1990.
L’emersione volontaria, ricordiamo, può riguardare sia la detenzione di patrimoni o attività estere in violazione delle regole sul monitoraggio fiscale, che irregolarità od omissioni dichiarative erariali e previdenziali “nazionali".
In sintesi, in presenza dei requisiti stabiliti dalla norma, i contribuenti possono regolarizzare la loro posizione fiscale, di loro iniziativa, versando sanzioni ridotte, per trasgressioni relative ad attività internazionali, imposte sui redditi, addizionali, imposte sostitutive, Irap, Iva, dichiarazioni dei sostituti d’imposta e contributi previdenziali, commesse fino al 30 settembre 2016.
 
L’opportunità è delimitata ai periodi d’imposta per i quali non sono ancora scaduti i termini di accertamento e per le contestazioni in materia di monitoraggio fiscale.
 
L’Agenzia delle Entrate ha fornito numerosi chiarimenti sulle le modalità applicative dell’istituto, intervenendo, in particolare, da ultimo, con le circolari 21/2017 (vedi “Voluntary disclosure bis: gli ulteriori chiarimenti” e 19/2017 (“Voluntary disclosure bis: i chiarimenti dell’Agenzia”).
r.fo.
pubblicato Lunedì 7 Agosto 2017

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino