A portata di mouse
Doppia chiave per il cassetto fiscale.
Delega possibile a due intermediari
L’opportunità fa parte del pacchetto di misure di semplificazione presentate, con relativa tabella di marcia, nella conferenza stampa dell’Agenzia del 3 luglio scorso
cassetto fiscale
Il cassetto fiscale diventa più funzionale e ricco di informazioni. Da oggi, i contribuenti possono delegare contemporaneamente due professionisti, e non più uno solo, alla consultazione online dei propri dati fiscali. Entrano, inoltre, a far parte della famiglia delle informazioni “a portata di click” quelle relative all’archivio Vies.
Fino a ieri, il servizio di consultazione del cassetto fiscale prevedeva la possibilità di delegare un solo intermediario. Adesso, invece, è possibile fornire le chiavi d’accesso ai propri dati a due diversi professionisti, per esempio al fiscalista e al consulente del lavoro. Anche con la doppia delega, comunque, il contribuente può sempre continuare a consultare il proprio cassetto fiscale.
La novità, che rientra tra le misure di semplificazione presentate nella conferenza stampa dello scorso 3 luglio, è stata introdotta dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 29 luglio 2013.
 
Da due a quattro anni per la delega
Per rispondere alle esigenze dagli utenti, si allunga anche la durata della delega. Se fino a ora l’incarico alla consultazione dei dati fiscali aveva una durata massima di due anni, ora raddoppia: il mandato vale quattro anni dall’attivazione ed è rinnovabile alla scadenza. Resta, invece, confermata la possibilità di revoca in qualsiasi momento, sia da parte del contribuente sia da parte dell’intermediario.
 
Contribuente e intermediario: delega a due vie
I contribuenti abilitati ai servizi telematici possono conferire le deleghe utilizzando le funzionalità disponibili su Fisconline e Entratel, altrimenti è possibile compilare il modello di delega e consegnarlo a un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia o all’intermediario delegato.
Il professionista, invece, per essere abilitato al cassetto fiscale, deve prendere visione del regolamento che illustra le condizioni di utilizzo del servizio e, dopo averlo firmato, lo deve trasmettere all’Agenzia esclusivamente tramite Entratel. Insieme all’attestato di accettazione di adesione al servizio, l’intermediario riceve dall’Amministrazione anche il codice segreto che gli consente di accedere al cassetto fiscale del cliente.
 
Cassetto fiscale aperto anche per il Vies
Anche i dati sull’iscrizione all’archivio informatico dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie diventano consultabili tramite il cassetto fiscale. Accedendo al servizio, infatti, il contribuente può ora conoscere in modo semplice e immediato anche il proprio stato di iscrizione al Vies. Inoltre, è già da tempo disponibile sul sito dell’Agenzia un servizio a libero accesso, tramite il quale gli operatori commerciali titolari di partita Iva che effettuano cessioni intracomunitarie possono verificare la validità del numero di identificazione Iva delle loro controparti, attraverso il collegamento con i sistemi fiscali degli Stati membri dell’Unione europea.
 
Dal 2002 al fianco dei contribuenti
Da oltre dieci anni, il cassetto fiscale consente di accedere da casa, in sicurezza, alle proprie informazioni fiscali, come i dati relativi alle dichiarazioni presentate, ai rimborsi, ai versamenti effettuati, agli atti registrati. È inoltre possibile consultare le comunicazioni di anomalie relative agli studi di settore e, ora, anche le informazioni sul proprio stato di iscrizione al Vies.
Valeria Ibello
Gianni Liprandi
pubblicato Giovedì 24 Ottobre 2013

I più letti

Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Irrilevante che il Fisco non abbia esercitato i poteri di controllo sull’esistenza del credito esposto in dichiarazione e sull’esistenza delle operazioni imponibili da cui esso è derivato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino