La Posta
Agevolazioni fiscali per l’impianto di riscaldamento
Sto ristrutturando un immobile rurale precedentemente non accatastato e riscaldato solo con un caminetto. Posso fruire delle detrazioni per il risparmio energetico se installo una caldaia a condensazione? Qual è la definizione di impianto di riscaldamento ai fini del riconoscimento delle agevolazioni fiscali?
N. Rattani
Per fruire delle detrazioni l’edificio deve essere esistente e avere un impianto di riscaldamento funzionante. La definizione di edificio è offerta dall’articolo 2 del Dlgs n. 192/2005. La prova dell’esistenza dell’edificio può essere fornita o dalla sua iscrizione in catasto, oppure dalla richiesta di accatastamento, nonché dal pagamento dell’Ici, se dovuta. L’impianto di riscaldamento, per essere considerato tale, deve a norma del punto 14 dell'allegato A al Dlgs n. 192/2005, essere un impianto tecnologico destinato alla climatizzazione estiva ed invernale degli ambienti con o senza produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari... comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e di controllo; sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento, mentre non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi per il riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 15 kW.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 3 Luglio 2012

I quesiti più cliccati

Ho affittato parte della mia prima casa. Continuo però a mantenere lì residenza e domicilio. Perdo i benefici per la detrazione degli interessi del mutuo?
Dovrei fittare le stanze del mio appartamento a degli studenti universitari. È possibile optare solo per alcune di queste per la cedolare secca, locando le altre con il regime normale?
Ho ricevuto una somma di denaro da mio padre tramite assegno bancario. È comunque soggetta a imposizione fiscale (Irpef o altro) oppure dipende dall’importo?
Sono separato consensualmente con affido condiviso dei figli. Abitiamo comunque ancora tutti nello stesso appartamento. In che percentuale posso portarmi i figli a carico? La mia ex moglie non lavora.
A marzo dello scorso anno è deceduto mio marito. Qualche mese prima avevamo contratto un mutuo per l’acquisto della nostra prima casa. Posso portare in detrazione l’intero importo degli interessi?