La Posta
Agevolazioni Ici per l’abitazione principale
Un contribuente appartenente alle Forze di polizia, che ha l’obbligo di residenza presso la caserma, può vantare le agevolazioni Ici relativamente a un immobile sito nel territorio di un comune diverso da quello in cui è ubicata la caserma e in cui lo stesso ha la sua dimora abituale?
Vincenzo Satta
Ai fini dell’applicazione dell’articolo 66 della legge n. 342/2000, l’articolo 8, comma 2, del Dlgs n. 504/1992, come modificato Finanziaria per il 2007, prevede che per abitazione principale si intende, salvo prova contraria, quella di residenza anagrafica. Tale norma ha introdotto una presunzione semplice, suscettibile quindi di essere superata da prova contraria, che deve essere fornita dallo stesso contribuente, il quale deve dimostrare di aver fissato la propria abitazione principale in un immobile diverso da quello di residenza anagrafica.
Alla luce di tali principi, per i soggetti appartenenti alle Forze di polizia l’unica possibilità per ottenere i benefici Ici per l’abitazione principale è quella di fornire la prova della dimora abituale nel comune ove è ubicato l’immobile.
Nessun rilievo hanno, invece, le disposizioni contenute nell’articolo 66 della legge n. 342/2000, in base alle quali per il personale in servizio permanente delle Forze armate e di polizia non è richiesta la residenza nel comune ove è ubicato l’immobile, in quanto le stesse sono applicabili esclusivamente all’imposta di registro, all’Iva e all’Irpef e non possono, pertanto, essere estese all’Ici.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 7 Aprile 2009

I quesiti più cliccati

alt default
Ho ristrutturato la casa di cui sono comproprietario con mia moglie (fatture intestate solo a me). Quest’anno non ho reddito e sono a carico di mia moglie. Può detrarre tutto lei solo per quest’anno?
alt default
Un contribuente “minimo”, commerciante fiori e piante in sede fissa, può usare gli scontrini fiscali manuali prenumerati avendo defiscalizzato il registratore di cassa giunto a fine ciclo?
alt default
Mio marito e io abbiamo due figlie universitarie, a carico al 50%, ognuna delle quali intestataria di un contratto di affitto. In che misura possiamo detrarre i relativi canoni?
In attesa dell’omologa della separazione, mio marito non ha intenzione di dividere il canone incassato per la locazione di un immobile in comunione dei beni. Devo comunque dichiarare la mia metà?
Ho letto che da quest’anno sarà a disposizione dei contribuenti il 730 precompilato. In cosa consiste? Quali saranno i vantaggi?