La Posta
Assistenza sanitaria e spese mediche rimborsate
alt default
Al punto 131 del mio Cud è indicato l’importo di 3.124,10 euro. Posso detrarre l’importo delle spese mediche sostenute oppure solo la parte non rimborsata dall’assicurazione?
Giorgia Carcione
Nel punto 131 del Cud 2013 il sostituto d’imposta indica i contributi per assistenza sanitaria versati a enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale, in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale. Tali somme non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente per un importo non superiore a 3.615,20 euro (articolo 51, comma 2, del Tuir). Pertanto, se l’ammontare dei contributi versati è al di sotto di quel tetto, non si ha diritto a detrarre nella dichiarazione dei redditi le spese mediche rimborsate.
Nel caso in cui, invece, l’importo dei contributi sia superiore al limite indicato, nelle annotazioni dello stesso modello Cud (cod. AU) viene riportata la quota di contributi che ha concorso a formare il reddito ed è specificato che le spese sanitarie eventualmente rimborsate possono essere detratte proporzionalmente.

risponde
r.fo.
 pubblicato Lunedì 15 Aprile 2013

I quesiti più cliccati

A seguito di una sentenza, ho ottenuto lo sfratto del mio conduttore moroso. Come posso recuperare le imposte che nel frattempo ho pagato sui canoni non percepiti?
In che modo è possibile optare per la liquidazione trimestrale dell’Iva?
Io e mia moglie abbiamo intenzione di eseguire lavori di recupero edilizio sulla nostra casa in comproprietà. Visto che sarò solo io a sostenere le spese, posso usufruire per intero della detrazione Irpef?
È possibile utilizzare nella dichiarazione dei redditi il credito d’imposta derivante dal riacquisto della prima casa?
A quali condizioni i familiari conviventi con il possessore dell’immobile oggetto di interventi di riqualificazione energetica possono usufruire della detrazione Irpef?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino