La Posta
Associazione tra professionisti

I prelievi effettuati nel corso dell'anno da parte di uno degli associati sono deducibili dal reddito prodotto dall'associazione professionale?

N. Fitto
I redditi delle associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni e residenti nel territorio dello Stato sono imputati a ciascun socio proporzionalmente alla quota di partecipazione agli utili, indipendentemente dalla percezione.
Le quote di partecipazione agli utili si presumono proporzionate al valore dei conferimenti dei soci se non risultano determinate diversamente dall’atto pubblico o dalla scrittura privata autenticata di costituzione o da altro atto pubblico o scrittura autenticata. Se il valore dei conferimenti non risulta determinato, le quote si presumono uguali. L’atto pubblico o scrittura privata autenticata possono essere redatti fino alla presentazione della dichiarazione dei redditi dell’associazione.
Il reddito derivante dall’esercizio di arti e professioni è costituito dalla differenza tra l’ammontare dei compensi in denaro o in natura percepiti nel periodo di imposta, anche sotto forma di partecipazione agli utili, e quello delle spese sostenute nel periodo stesso nell’esercizio dell’arte o della professione, fatte salve le eccezioni previste dall’articolo 54 del Tuir. Il reddito prodotto dall’associazione professionale va ripartito tra gli associati che risultano tali al termine del periodo d’imposta, indipendentemente dalla percezione effettiva.
Considerando, pertanto, che gli utili si determinano solo alla fine del periodo d’imposta, i prelievi effettuati nel corso dell’anno dagli associati non costituiscono acconti di utili, ma anticipazioni finanziarie intervenute fra l’associazione e i singoli partecipanti, che non hanno rilievo ai fini della determinazione del reddito prodotto dall’associazione, nel senso che non costituiscono componente negativo.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Mercoledì 23 Marzo 2011

I quesiti più cliccati

Si può beneficiare della detrazione per i canoni di locazione pagati da studenti universitari fuori sede, se il comune di residenza, benché distante più di 100 Km, è situato nella stessa provincia dell’università?
È possibile applicare la cedolare secca a un contratto di sublocazione?
Prima di morire, mia madre aveva acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale, stipulando un contratto di mutuo. In qualità di sua unica erede, posso detrarre gli interessi passivi?
In che misura è possibile usufruire della detrazione per canone di locazione a favore dei giovani nel caso in cui solo uno dei due inquilini abbia i requisiti anagrafici e reddituali?
La locazione con contratto turistico, durante il periodo estivo, dell’abitazione acquistata con i benefici prima casa comporta la decadenza dall’agevolazione?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino