La Posta
Canone Rai: la famiglia anagrafica
Io e mia moglie siamo residenti in due distinti appartamenti, di cui siamo proprietari, in due comuni diversi. Entrambi siamo intestatari delle relative utenze elettriche. È corretto l’addebito del canone in bolletta per entrambi?
Egidio S.
Il canone Rai è pagato con addebito sulla bolletta dell’utenza elettrica, in base alla presunzione secondo cui chi è intestatario di un’utenza elettrica residenziale è anche detentore di apparecchio televisivo. Il canone è dovuto una sola volta per ciascuna famiglia anagrafica. Per famiglia anagrafica si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti e aventi dimora abituale nello stesso Comune (articolo 4 del Dpr 223/1989). La composizione della famiglia anagrafica risulta dallo stato di famiglia. Qualora marito e moglie non abbiano la stessa residenza e, quindi, non risultano nello stesso stato di famiglia, sono tenuti al pagamento di entrambi i canoni.

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Martedì 16 Agosto 2016

I quesiti più cliccati

È detraibile la spesa sostenuta per l’acquisto di un apparecchio per aerosol?
Le spese di trasporto e montaggio rientrano nel "bonus mobili"?
In che modo è possibile optare per la liquidazione trimestrale dell’Iva?
In quali casi non può essere emessa fattura semplificata?
I Pir possono essere sottoscritti da un cittadino italiano residente all’estero?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino