La Posta
Certificazione alimenti a fini medici speciali
Per poter beneficiare della detrazione Irpef, come devono essere certificate le spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali?
Rosario V.
Dal 1° gennaio 2017 è possibile detrarre il 19% delle spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1 dell’apposito registro nazionale, con l’esclusione di quelli destinati ai lattanti (articolo 15, comma 1, lettera c, Tuir, come modificato dall’articolo 5-quinqiues, Dl 148/2017). La spesa deve essere certificata attraverso la fattura o lo scontrino fiscale “parlante”, in cui sono riportati la natura, la qualità e la quantità dei prodotti acquistati, nonché il codice fiscale del destinatario. Tuttavia, se la fattura o gli scontrini non riportano tali elementi, il contribuente potrà integrare i documenti indicando il proprio codice fiscale e richiedere al rivenditore un’attestazione dalla quale risulti che il prodotto venduto è riconducibile tra gli alimenti a fini medici speciali e non è destinato ai lattanti. Si ricorda che, al momento, la detrazione è prevista solo per il 2017 e il 2018. Il registro nazionale degli alimenti a fini medici speciali è disponibile sul sito del ministero della Salute.

risponde
Gennaro Napolitano
 pubblicato Venerdì 14 Settembre 2018

I quesiti più cliccati

Si può fruire della detrazione per un mutuo per l’acquisto a un’asta giudiziaria di una casa, per cui si è instaurato un procedimento esecutivo?
Sono detraibili i contributi relativi al riscatto degli anni di laurea versati per i familiari a carico inoccupati?
alt default
La tassa annuale versata per l'iscrizione a un ordine professionale è detraibile?
In che misura è dovuta l’imposta di registro per l’acquisto di un terreno agricolo da parte di un coltivatore diretto?
Sono detraibili le spese sostenute per il servizio di trasporto scolastico dei figli?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino