La Posta
Contribuenti minimi e voucher lavoro
alt default
Un contribuente che applica il nuovo regime dei minimi, può avvalersi di collaboratori retribuiti con i voucher lavoro?
Vincenzo Franchino
È prevista la fuoriuscita del regime dei minimi qualora non sussistano più i requisiti di accesso allo stesso, tra i quali è previsto il mancato sostenimento di spese per lavoro dipendente. I buoni lavoro (introdotti dalla legge 30/2003, e poi disciplinati dal dlgs 276/2003) rappresentano un sistema di pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, di natura meramente occasionale, che non generano redditi complessivamente superiori a 5mila euro nel corso dell’anno solare. Le prestazioni rese nei confronti di imprenditori commerciali o professionisti, fermo restando il limite dei 5mila euro, non possono superare i 2mila euro per ciascun committente. I buoni lavoro pertanto non configurano un rapporto di lavoro dipendente bensì compensi erogati per prestazioni occasionali di tipo accessorio che, come ha chiarito l’Agenzia, non rilevano ai fini della possibile esclusione dal regime agevolato (circolare 7/E del 2008, paragrafo 2.13, quesito a).

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Giovedì 29 Agosto 2013

I quesiti più cliccati

Fino a quando bisogna conservare la documentazione relativa al modello Redditi PF presentato quest’anno?
Chi ha diritto alle agevolazioni previste nel settore auto per le persone con disabilità?
I fabbricati rurali strumentali sono esenti dall’Imu?
Ai fini delle detrazioni Irpef relative agli interventi di recupero edilizio e di risparmio energetico è possibile effettuare un bonifico tramite un conto aperto presso un istituto di pagamento?
La cessione infraquinquennale della nuda proprietà di un immobile acquistato con i benefici prima casa comporta perdita dell’agevolazione?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino