La Posta
Credito da 730 in caso di licenziamento
Dopo avere presentato il modello 730, sono stato licenziato. Ero a credito. Che devo fare per ottenere il rimborso?
Piero P.
In caso di conguaglio a credito, il sostituto d’imposta è tenuto a operare i rimborsi spettanti ai dipendenti cessati o privi di retribuzione, mediante una corrispondente riduzione delle ritenute relative ai compensi corrisposti agli altri dipendenti con le modalità e nei tempi ordinariamente previsti (paragrafo 10.1 della circolare 14/E del 2013). Pertanto, qualora un contribuente cessi il proprio rapporto di lavoro, per licenziamento (o per dimissioni), successivamente alla presentazione del 730, indipendentemente dalla sua condizione lavorativa, l’ex sostituto di imposta avrà comunque l’onere di effettuare i rimborsi fiscali. Se, però, l’ex datore di lavoro non dovesse operare il conguaglio a credito, lo stesso potrà essere recuperato attraverso la successiva dichiarazione dei redditi.

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Giovedì 4 Agosto 2016

I quesiti più cliccati

È detraibile l’acquisto di un materasso ortopedico?
Le spese sostenute per sedute di osteopatia sono detraibili?
L’importo della spesa sostenuta per il rilascio di un certificato medico per attività sportiva non agonistica è detraibile?
Per il rinnovo della patente è necessario sostenere una visita medica che accerti il permanere delle condizioni di idoneità psicofisica. La spesa può essere detratta?
Come mai nel mio 730 precompilato, tra le spese detraibili/deducibili, è indicato l’acquisto di un integratore alimentare?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino