La Posta
Detraibilità delle spese per l’acquisto di farmaci per uso veterinario
Vorrei sapere se le spese per l'acquisto di farmaci per uso veterinario sono detraibili e con quali modalità.
Giorgio Rusconi
La detrazione per le spese veterinarie per animali da compagnia o da sport  è pari al 19% della spesa sostenuta con una franchigia di 129,11 euro e con un tetto massimo di 387,34 a prescindere dal numero di animali posseduti.
Gli animali per i quali si può ricorrere a questa possibilità sono quelli legalmente detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva.
Sono, pertanto, esclusi gli animali allevati o detenuti nell'esercizio di attività commerciali o agricole e quelli destinati all'allevamento, alla riproduzione o al consumo alimentare e, ovviamente, quelli detenuti per scopi illeciti.
Le spese detraibili sono quelle per le prestazioni professionali rese dal medico veterinario e quelle relative all'acquisto di medicinali specifici da questi prescritti.
Per l’acquisto dei farmaci è necessario rispettare le norme sulle scontrino parlante con l'indicazione precisa del prodotto acquistato e del codice fiscale di chi acquista. Non è necessario che colui che porta le spese in detrazione sia il proprietario dell'animale.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 18 Maggio 2009

I quesiti più cliccati

È vero che non è più possibile dedurre il contributo sanitario obbligatorio versato con il premio di assicurazione di responsabilità civile per i veicoli?
Ho assunto un assistente familiare per mia madre, anziana e non autosufficiente. Mi spetta qualche agevolazione fiscale per questa spesa?
A settembre 2015 ho acquistato un appartamento senza benefici prima casa. Lo scorso mese, ho venduto l'abitazione preposseduta. Mi spetta il rimborso delle maggiori imposte versate sull’acquisto di settembre?
Per consentire a mio figlio di seguire dei corsi presso un istituto tecnico, ho locato un appartamento. L’istituto è lontano più di 100 km dal comune di residenza. Posso detrarre tale spesa?
Ho deciso di ridurre per un periodo di tempo il canone del contratto di locazione di un appartamento di mia proprietà, per venire incontro al mio inquilino. Devo registrare la variazione? Devo pagare bollo e registro?