La Posta
Detraibilità delle spese per l’acquisto di farmaci per uso veterinario
Vorrei sapere se le spese per l'acquisto di farmaci per uso veterinario sono detraibili e con quali modalità.
Giorgio Rusconi
La detrazione per le spese veterinarie per animali da compagnia o da sport  è pari al 19% della spesa sostenuta con una franchigia di 129,11 euro e con un tetto massimo di 387,34 a prescindere dal numero di animali posseduti.
Gli animali per i quali si può ricorrere a questa possibilità sono quelli legalmente detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva.
Sono, pertanto, esclusi gli animali allevati o detenuti nell'esercizio di attività commerciali o agricole e quelli destinati all'allevamento, alla riproduzione o al consumo alimentare e, ovviamente, quelli detenuti per scopi illeciti.
Le spese detraibili sono quelle per le prestazioni professionali rese dal medico veterinario e quelle relative all'acquisto di medicinali specifici da questi prescritti.
Per l’acquisto dei farmaci è necessario rispettare le norme sulle scontrino parlante con l'indicazione precisa del prodotto acquistato e del codice fiscale di chi acquista. Non è necessario che colui che porta le spese in detrazione sia il proprietario dell'animale.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 18 Maggio 2009

I quesiti più cliccati

Mia zia invalida è ricoverata in un istituto di assistenza. Posso dedurre la spesa che sostengo per il pagamento della retta mensile?
Sono un cittadino italiano, residente in Italia e possiedo un immobile in Norvegia. Come devo calcolare e versare l’Ivie?
Sono proprietaria di due case nello stesso comune; una è la mia abitazione principale, nell’altra abita mia zia (contratto di comodato). Ai fini Irpef come è tassata la seconda abitazione?
Su quali beni dei figli è escluso l’usufrutto legale dei genitori? E, in tal caso, chi deve presentare la dichiarazione dei redditi?
Presso quale ufficio deve essere registrato un contratto di locazione?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino