La Posta
Detraibilità delle spese per l’acquisto di farmaci per uso veterinario
Vorrei sapere se le spese per l'acquisto di farmaci per uso veterinario sono detraibili e con quali modalità.
Giorgio Rusconi
La detrazione per le spese veterinarie per animali da compagnia o da sport  è pari al 19% della spesa sostenuta con una franchigia di 129,11 euro e con un tetto massimo di 387,34 a prescindere dal numero di animali posseduti.
Gli animali per i quali si può ricorrere a questa possibilità sono quelli legalmente detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva.
Sono, pertanto, esclusi gli animali allevati o detenuti nell'esercizio di attività commerciali o agricole e quelli destinati all'allevamento, alla riproduzione o al consumo alimentare e, ovviamente, quelli detenuti per scopi illeciti.
Le spese detraibili sono quelle per le prestazioni professionali rese dal medico veterinario e quelle relative all'acquisto di medicinali specifici da questi prescritti.
Per l’acquisto dei farmaci è necessario rispettare le norme sulle scontrino parlante con l'indicazione precisa del prodotto acquistato e del codice fiscale di chi acquista. Non è necessario che colui che porta le spese in detrazione sia il proprietario dell'animale.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 18 Maggio 2009

I quesiti più cliccati

alt default
Per un contratto turistico di durata inferiore a 30 giorni, è possibile applicare la cedolare secca?
alt default
La ritenuta del 4% sulle fatture per lavori di ristrutturazione edilizia è fatta dalla banca al momento di accredito del pagamento, o deve versarla l'amministratore del condominio con F24?
alt default
Ho 41 anni e sto per intraprendere un'attività come libera professionista. Posso usufruire del regime fiscale dei "nuovi minimi"?
alt default
Nel 2013 non ho presentato la dichiarazione dei redditi da cui sarebbe scaturito un credito Irpef di 1.300 euro per ritenute eccedenti. Posso inserirlo nella prossima o devo fare istanza di rimborso?
alt default
Spese sanitarie rimborsate dall’assicurazione, il cui premio è stato in parte versato dal datore di lavoro (ente pubblico), in parte in proprio. A quali condizioni è possibile portarle in detrazione?