La Posta
Detrazione Imu in caso di comproprietà dell’immobile
Sono per il 50% proprietaria della casa nella quale risiedo. Il restante 50% è di proprietà di mia madre, che risiede altrove. Non possediamo altri immobili. Desidero sapere se entrambe possiamo fruire delle agevolazioni Imu per l’abitazione principale.
C. Sanna
Le agevolazioni per abitazione principale possono essere usufruite soltanto dal proprietario che dimora abitualmente e risiede anagraficamente nell’immobile. Nel caso oggetto del quesito, la lettrice (figlia) potrà usufruire dell’aliquota ridotta e della intera detrazione pari a 200 euro prevista per l’abitazione principale. Poiché per l’Imu non è prevista la possibilità da parte dei Comuni di assimilare ad abitazione principale l’immobile dato in uso gratuito a parenti, la mamma, pur essendo comproprietaria, non può usufruire di alcuna agevolazione. Il genitore, pertanto, sarà tenuto per lo stesso immobile al pagamento del tributo come “altro fabbricato”, utilizzando l’aliquota relativa a immobili diversi dall’abitazione principale.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Giovedì 31 Maggio 2012

I quesiti più cliccati

L’installazione di un condizionatore a pompa di calore inverter dà diritto alla detrazione Irpef per recupero edilizio?
Ho acquistato casa da un’impresa costruttrice, sottoscrivendo un mutuo. Poiché il Comune non ha ancora concesso l’abitabilità, non ho potuto adibire l’appartamento, entro un anno dall’acquisto, ad abitazione principale. Perdo il diritto a detrarre gli interessi passivi?
È possibile pagare gli importi dovuti a seguito di un accertamento con adesione utilizzando in compensazione crediti vantati verso la pubblica amministrazione?
Quali sanzioni sono previste per l’incompleta comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva?
L’istanza di interpello presentata all’Agenzia delle entrate è soggetta a imposta di bollo?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino