La Posta
Detrazione Imu in caso di comproprietà dell’immobile
Sono per il 50% proprietaria della casa nella quale risiedo. Il restante 50% è di proprietà di mia madre, che risiede altrove. Non possediamo altri immobili. Desidero sapere se entrambe possiamo fruire delle agevolazioni Imu per l’abitazione principale.
C. Sanna
Le agevolazioni per abitazione principale possono essere usufruite soltanto dal proprietario che dimora abitualmente e risiede anagraficamente nell’immobile. Nel caso oggetto del quesito, la lettrice (figlia) potrà usufruire dell’aliquota ridotta e della intera detrazione pari a 200 euro prevista per l’abitazione principale. Poiché per l’Imu non è prevista la possibilità da parte dei Comuni di assimilare ad abitazione principale l’immobile dato in uso gratuito a parenti, la mamma, pur essendo comproprietaria, non può usufruire di alcuna agevolazione. Il genitore, pertanto, sarà tenuto per lo stesso immobile al pagamento del tributo come “altro fabbricato”, utilizzando l’aliquota relativa a immobili diversi dall’abitazione principale.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Giovedì 31 Maggio 2012

I quesiti più cliccati

alt default
Ho preso in affitto un appartamento a partire dal mese di agosto. Sono tenuto al pagamento della Tasi?
alt default
Ho acquistato un immobile al 100% con mutuo cointestato con mia moglie. Posso detrarre io per intero gli interessi, visto che lei, non essendo proprietaria, non può scalare la sua quota?
alt default
Negli anni passati ho versato, sulla seconda casa, più Imu di quella dovuta. Quanto tempo ho per chiedere il rimborso? Con quali modalità?
alt default
Ho compiuto nel 2013 degli interventi di ristrutturazione edilizia riguardanti sia la mia casa che le pertinenze della stessa. Come si calcola il limite massimo detraibile?
alt default
Sono divorziata, la casa è al 50%. Per il calcolo della Tasi, qual è la rendita catastale di riferimento? Va considerata al 50%? L’assegnazione dell’immobile cambia la ripartizione?