La Posta
Detrazione Irpef del 36% da parte del convivente sulle spese di ristrutturazione della casa di proprietà del coniuge
Volendo ristrutturare un edificio di esclusiva proprietà di mia moglie e considerando che le spese saranno sostenute in parte da lei e in parte dallo scrivente si chiede di sapere come può fruire della detrazione del 36% il coniuge convivente che partecipa alle spese.
Agostino Di Salvo
La detrazione Irpef del 36% sui costi di ristrutturazione compete anche al familiare convivente del proprietario, possessore o detentore dell'immobile sul quale vengono effettuati i lavori, purché ne sostenga le spese (i bonifici di pagamento devono, quindi, essere da lui eseguiti e le fatture devono essere a lui intestate).
La condizione cui la normativa vincola l'accesso del "familiare" al beneficio fiscale risiede nella convivenza.
Il familiare convivente con il possessore o detentore dell'immobile può usufruire dell'agevolazione se risultano essere effettivamente a suo carico le spese dei lavori già al momento dell'avvio della procedura, coincidente con l'invio della dichiarazione di inizio lavori all'Amministrazione finanziaria.
Non è necessario che l'abitazione nella quale convivono "familiare" e intestatario dell'immobile costituisca per entrambi l'abitazione principale.
Viceversa è necessario che i lavori siano effettuati su una delle abitazioni nelle quali si manifesta il rapporto di convivenza.
Il limite di spesa (48.000 euro) cui applicare la percentuale di detrazione va riferito alla singola unità immobiliare sulla quale sono effettuati gli interventi di manutenzione; pertanto, in caso di più aventi diritto, va ripartito tra gli stessi.
I requisiti per beneficiare della detrazione devono essere posseduti al momento dell'invio della dichiarazione di inizio lavori all'Amministrazione finanziaria.
Per semplificare la procedura, il comma 2 del decreto dirigenziale del 24 febbraio 1998, di approvazione del modello da utilizzare per la comunicazione, ha previsto che, nel caso in cui i soggetti che si avvalgono del beneficio sono più di uno, è sufficiente che uno solo provveda all'invio del modulo; il contribuente che non ha trasmesso il modulo deve indicare, in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, il codice fiscale di chi ha provveduto alla presentazione.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Mercoledì 3 Marzo 2010

I quesiti più cliccati

Come deve essere certificata la spesa sostenuta per la mensa scolastica di mia figlia ai fini della detrazione? È vero che non occorre necessariamente che il servizio sia stato erogato dalla scuola?
Mio figlio, avvocato, usufruisce del regime dei minimi. Lo scorso anno ha percepito circa 12mila euro. Tale reddito rientra nel calcolo di 2.840,51 euro da non oltrepassare per considerarlo a carico?
Sono un avvocato, in regime forfetario. Dal prossimo mese sarò assunto presso una società. Come mi devo regolare con le fatture emesse ma ancora non saldate? Posso comunque chiudere la partita Iva?
La spesa per un intervento chirurgico è totalmente detraibile dal paziente, anche se una quota non è rimasta a suo carico perché saldata direttamente da un'assicurazione medica non detraibile?
Ho perso mio marito lo scorso anno. Ai fini della pensione di reversibilità, ho versato la restante parte dei contributi previdenziali da lui dovuti. Posso dedurli o dovrò indicarli nella dichiarazione presentata come erede?