La Posta
Detrazione spese recupero edilizio
Io e mia moglie abbiamo intenzione di eseguire lavori di recupero edilizio sulla nostra casa in comproprietà. Visto che sarò solo io a sostenere le spese, posso usufruire per intero della detrazione Irpef?
Danilo Bramè
Danno diritto alla detrazione Irpef per interventi di recupero del patrimonio edilizio le spese sostenute ed effettivamente rimaste a carico di coloro che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono eseguiti gli interventi (articolo 16-bis, Tuir). In linea generale, quindi, il beneficio in esame compete al soggetto che ha effettivamente sostenuto l’onere purché siano a lui regolarmente intestati fatture e bonifici. Pertanto, nel caso in cui vengano eseguiti lavori di recupero edilizio su un immobile in comproprietà tra moglie e marito e solo quest’ultimo sostenga per intero le relative spese, la detrazione, al ricorrere di tutte le condizioni previste dalle legge, compete integralmente a lui. Si ricorda, infine, che la legge di bilancio 2017 ha prorogato (fino al 31 dicembre 2017) la misura potenziata del “bonus ristrutturazioni” (50%) su un importo massimo di 96mila euro per unità immobiliare.

risponde
Gennaro Napolitano
 pubblicato Venerdì 17 Febbraio 2017

I quesiti più cliccati

L’installazione di un condizionatore a pompa di calore inverter dà diritto alla detrazione Irpef per recupero edilizio?
È possibile pagare gli importi dovuti a seguito di un accertamento con adesione utilizzando in compensazione crediti vantati verso la pubblica amministrazione?
Quali sanzioni sono previste per l’incompleta comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva?
L’istanza di interpello presentata all’Agenzia delle entrate è soggetta a imposta di bollo?
Sono un poliziotto e ho acquistato un appartamento stipulando un mutuo. Per la detrazione degli interessi passivi, devo adibire l’immobile a mia dimora abituale?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino