La Posta
Detrazione spese recupero edilizio
Io e mia moglie abbiamo intenzione di eseguire lavori di recupero edilizio sulla nostra casa in comproprietà. Visto che sarò solo io a sostenere le spese, posso usufruire per intero della detrazione Irpef?
Danilo Bramè
Danno diritto alla detrazione Irpef per interventi di recupero del patrimonio edilizio le spese sostenute ed effettivamente rimaste a carico di coloro che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono eseguiti gli interventi (articolo 16-bis, Tuir). In linea generale, quindi, il beneficio in esame compete al soggetto che ha effettivamente sostenuto l’onere purché siano a lui regolarmente intestati fatture e bonifici. Pertanto, nel caso in cui vengano eseguiti lavori di recupero edilizio su un immobile in comproprietà tra moglie e marito e solo quest’ultimo sostenga per intero le relative spese, la detrazione, al ricorrere di tutte le condizioni previste dalle legge, compete integralmente a lui. Si ricorda, infine, che la legge di bilancio 2017 ha prorogato (fino al 31 dicembre 2017) la misura potenziata del “bonus ristrutturazioni” (50%) su un importo massimo di 96mila euro per unità immobiliare.

risponde
Gennaro Napolitano
 pubblicato Venerdì 17 Febbraio 2017

I quesiti più cliccati

La moglie che, dopo la morte del marito, sia titolare del diritto di abitazione sulla casa coniugale, è tenuta a indicare il fabbricato nella propria dichiarazione dei redditi?
A quali condizioni è possibile dedurre le spese mediche generiche e di assistenza specifica per le persone disabili? Può beneficiarne la figlia della persona portatrice di handicap?
Coloro che sono tenuti a trasmettere i dati al Sistema tessera sanitaria sono comunque obbligati alla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute?
È possibile applicare la cedolare secca a un contratto di sublocazione?
Le mance percepite dai croupiers costituiscono reddito?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino