La Posta
Dispositivi medici
Ho acquistato in farmacia delle bende, garze e siringhe. La farmacia sullo scontrino ha classificato i prodotti acquistati come dispositivi medici. Posso detrarre tali spese?
Lorella Maduli – R. Fazzi
Per “dispositivo medico” s’intende ogni apparecchio, strumento, sostanza, o altro prodotto che sia utilizzato a scopo di diagnosi, prevenzione, controllo, terapia o attenuazione di una malattia, e che non eserciti la sua azione principale con mezzi farmacologici o immunologici né mediante processo metabolico (articolo 1 del Dlgs 46/1997).
Si possono detrarre i dispositivi medici che rientrano nel nomenclatore tariffario delle protesi, (elenco1, elenco2, elenco3 del Dm 332/1999), purchè accompagnati da prescrizione medica e scontrino parlante.
Esempi di dispositivi sono: occhiali da vista, lenti a contatto, apparecchi per aerosol, apparecchi per la pressione, calzature ortopediche, plantari, pannoloni per incontinenza, siringhe, ecc...
Di conseguenza per poter fruire della detrazione del 19% per tali spese occorre la prescrizione medica oppure un’autocertificazione che attesti la tipologia del prodotto e la patologia per la quale esso viene utilizzato ovvero la finalità per la quale viene effettuato l’acquisto.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 23 Giugno 2009

I quesiti più cliccati

Un contribuente ha usufruito del regime dei minimi fino al 31 ottobre 2013, data di chiusura attività. Dovendo riaprire la partita Iva nel 2015, può usufruire del nuovo regime forfettario?
Ho commesso un errore nella compilazione del bonifico effettuato per dei lavori di ristrutturazione edilizia (ho indicato, come causale, risparmio energetico). Ho perso il diritto alla detrazione?
Mio cognato, titolare di partita Iva, ritira pc rotti da privati e li ripara, per poi rivenderli. La vendita degli apparecchi è assoggettata a Iva? Deve emettere ricevuta o fattura?
Per un problema relativo all’invio del modello 730/4, non ho ricevuto il rimborso dal mio datore di lavoro. Come posso fare per ottenere quanto non percepito?
È valida anche per il passato la soppressione dell’obbligo di invio della comunicazione per i lavori di riqualificazione energetica pluriennali?