La Posta
Dispositivi medici
Ho acquistato in farmacia delle bende, garze e siringhe. La farmacia sullo scontrino ha classificato i prodotti acquistati come dispositivi medici. Posso detrarre tali spese?
Lorella Maduli – R. Fazzi
Per “dispositivo medico” s’intende ogni apparecchio, strumento, sostanza, o altro prodotto che sia utilizzato a scopo di diagnosi, prevenzione, controllo, terapia o attenuazione di una malattia, e che non eserciti la sua azione principale con mezzi farmacologici o immunologici né mediante processo metabolico (articolo 1 del Dlgs 46/1997).
Si possono detrarre i dispositivi medici che rientrano nel nomenclatore tariffario delle protesi, (elenco1, elenco2, elenco3 del Dm 332/1999), purchè accompagnati da prescrizione medica e scontrino parlante.
Esempi di dispositivi sono: occhiali da vista, lenti a contatto, apparecchi per aerosol, apparecchi per la pressione, calzature ortopediche, plantari, pannoloni per incontinenza, siringhe, ecc...
Di conseguenza per poter fruire della detrazione del 19% per tali spese occorre la prescrizione medica oppure un’autocertificazione che attesti la tipologia del prodotto e la patologia per la quale esso viene utilizzato ovvero la finalità per la quale viene effettuato l’acquisto.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 23 Giugno 2009

I quesiti più cliccati

Anche la risoluzione di un contratto di locazione deve essere comunicata con il modello Rli?
Sono detraibili le spese per recupero edilizio che il contribuente sostiene mediante un finanziamento?
alt default
Per comprare la mia abitazione principale ho stipulato un mutuo, il cui importo è superiore al costo di acquisto. Come deve essere calcolata la detrazione per gli interessi passivi?
A quali condizioni è prevista l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici da parte di persone con disabilità?
Per poter beneficiare della detrazione Irpef per gli interventi di recupero edilizio, in quali casi è necessario inviare la comunicazione all’Asl?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino