La Posta
Fattura dell’avvocato distrattario
L’avvocato difensore della parte vincitrice deve emettere fattura con addebito dell’Iva a carico del soggetto condannato al pagamento degli oneri e delle spese a favore della controparte?
Lettera non firmata
Agli effetti dell'Iva, il soggetto soccombente in un giudizio, condannato al pagamento degli oneri e delle spese a favore dell'avvocato della controparte, è tenuto anche al pagamento dell'imposta relativa.
Nell'ipotesi di distrazione delle spese a favore del difensore della parte vincitrice ex articolo 93 c.p.c., il diritto che, in base alla pronuncia giudiziaria, viene a costituirsi a favore del difensore comporta che egli possa pretendere, in linea di principio, nei confronti diretti del soccombente, anche quanto dovutogli a titolo di Iva. Il soggetto passivo della rivalsa, ex articolo 18 del Dpr 633/1972, resta, comunque, il cliente, nei confronti del quale va emessa, da parte del professionista, la relativa fattura, nella quale deve essere evidenziato che, con riferimento sia all'onorario che al tributo che vi accede, la solutio è avvenuta da parte del soccombente, vincolato alla prestazione in virtù della condanna contenuta nella sentenza.
Il pagamento della somma corrispondente all'Iva eseguito dal soccombente rileva solo come costo del processo e viene effettuato non a titolo di rivalsa ma di condanna, per effetto della quale il soccombente si presenta, solo e sempre, quale obbligato a tenere indenne la controparte, al pari di ogni altro onere patrimoniale, dal costo del processo.
Unica deroga si ha nella ipotesi in cui il soggetto vincitore è soggetto di imposta e la vertenza inerisca all'esercizio della propria attività di impresa, arte o professione e ha quindi titolo di recuperare l'imposta della quale subisce la rivalsa in sede di esercizio del diritto di detrazione di cui all'articolo 19 del Dpr 633/1972.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 29 Settembre 2009

I quesiti più cliccati

Ho ricevuto una somma di denaro da mio padre tramite assegno bancario. È comunque soggetta a imposizione fiscale (Irpef o altro) oppure dipende dall’importo?
Sono separato consensualmente con affido condiviso dei figli. Abitiamo comunque ancora tutti nello stesso appartamento. In che percentuale posso portarmi i figli a carico? La mia ex moglie non lavora.
A marzo dello scorso anno è deceduto mio marito. Qualche mese prima avevamo contratto un mutuo per l’acquisto della nostra prima casa. Posso portare in detrazione l’intero importo degli interessi?
Ho affittato un appartamento con cedolare secca. Tra un mese scade la seconda annualità contrattuale; vorrei revocare la cedolare: è possibile? In caso positivo, a che adempimento sono tenuta?
Ho ristrutturato il mio appartamento; i lavori sono durati più anni. Potevo beneficiare del bonus mobili più di una volta? Il beneficio spetta anche per gli interventi di risparmio energetico che danno diritto alla detrazione del 65%?