La Posta
Fruizione della detrazione Irpef del 36% da parte del familiare
Per fruire della detrazione del 36% sulle spese di ristrutturazione il familiare convivente detentore dell’immobile quali requisiti deve possedere?
W. Crea
La detrazione Irpef del 36% può essere fruita anche dai familiari (coniuge, parente entro il terzo grado e affine sino al secondo grado) conviventi del proprietario o detentori dell’immobile oggetto dei lavori di ristrutturazione a condizione che:
a) sussista la situazione di convivenza sin dal momento in cui viene effettuata la comunicazione preventiva all’inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara;
b) le spese risultino effettivamente a carico del familiare convivente (da lui devono essere effettuati i bonifici di pagamento e a lui devono essere intestate le relative fatture).
Non è necessario un contratto di comodato.
E’ irrilevante, ai fini della fruizione del beneficio, il fatto che il permesso di costruire (ed eventuali altre autorizzazioni) risultino intestate al proprietario convivente, che eventualmente rilascerà una semplice dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 8 Novembre 2010

I quesiti più cliccati

alt default
La scadenza per la presentazione del 730 in assenza del sostituto di imposta è la stessa del 730 "tradizionale"?
alt default
Il contratto di comodato d’uso gratuito di terreno redatto con scrittura privata autenticata deve essere registrato? Se sì, quanto si deve pagare?
alt default
La mia società sta pagando da tempo un ruolo, avvalendosi della rateizzazione. Per problemi legati alla crisi, sono state saltate le ultime tre rate. Sono decaduto dal beneficio?
alt default
La ritenuta del 4% sulle fatture per lavori di ristrutturazione edilizia è fatta dalla banca al momento di accredito del pagamento, o deve versarla l'amministratore del condominio con F24?
alt default
È possibile detrarre le spese sostenute per un corso di inglese presso una scuola abilitata, cui ha partecipato mio figlio?