La Posta
Fruizione della detrazione Irpef del 36% da parte del familiare
Per fruire della detrazione del 36% sulle spese di ristrutturazione il familiare convivente detentore dell’immobile quali requisiti deve possedere?
W. Crea
La detrazione Irpef del 36% può essere fruita anche dai familiari (coniuge, parente entro il terzo grado e affine sino al secondo grado) conviventi del proprietario o detentori dell’immobile oggetto dei lavori di ristrutturazione a condizione che:
a) sussista la situazione di convivenza sin dal momento in cui viene effettuata la comunicazione preventiva all’inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara;
b) le spese risultino effettivamente a carico del familiare convivente (da lui devono essere effettuati i bonifici di pagamento e a lui devono essere intestate le relative fatture).
Non è necessario un contratto di comodato.
E’ irrilevante, ai fini della fruizione del beneficio, il fatto che il permesso di costruire (ed eventuali altre autorizzazioni) risultino intestate al proprietario convivente, che eventualmente rilascerà una semplice dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 8 Novembre 2010

I quesiti più cliccati

Mio padre è deceduto lo scorso anno. Mia madre, erede, subentrata come conduttrice nel contratto di locazione del loro appartamento, può continuare a detrarre le spese sostenute per la ristrutturazione?
Ho sostenuto con mia moglie le spese per la mensa scolastica di mia figlia. La ricevuta è intestata a mia figlia. Chi di noi due può detrarre?
Ho saputo che è possibile detrarre le spese sostenute lo scorso anno per la mensa scolastica di mio figlio; ho pagato in contanti: è un problema?
Mio figlio, avvocato, usufruisce del regime dei minimi. Dallo scorso anno frequenta un master all'estero. Può detrarre questa spesa?
Quali sono gli oneri accessori detraibili in base alla nuova agevolazione per i canoni di leasing abitativo, introdotta dall’ultima legge di stabilità?