La Posta
Fruizione della detrazione Irpef del 36% da parte del familiare
Per fruire della detrazione del 36% sulle spese di ristrutturazione il familiare convivente detentore dell’immobile quali requisiti deve possedere?
W. Crea
La detrazione Irpef del 36% può essere fruita anche dai familiari (coniuge, parente entro il terzo grado e affine sino al secondo grado) conviventi del proprietario o detentori dell’immobile oggetto dei lavori di ristrutturazione a condizione che:
a) sussista la situazione di convivenza sin dal momento in cui viene effettuata la comunicazione preventiva all’inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara;
b) le spese risultino effettivamente a carico del familiare convivente (da lui devono essere effettuati i bonifici di pagamento e a lui devono essere intestate le relative fatture).
Non è necessario un contratto di comodato.
E’ irrilevante, ai fini della fruizione del beneficio, il fatto che il permesso di costruire (ed eventuali altre autorizzazioni) risultino intestate al proprietario convivente, che eventualmente rilascerà una semplice dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 8 Novembre 2010

I quesiti più cliccati

alt default
Sono un artigiano. Ho avuto l’incarico da parte di un professionista di intonacare e imbiancare le pareti del suo studio. Dovrò emettere fattura in regime di reverse charge?
alt default
Sono proprietario di due immobili: il primo l’ho concesso in comodato a mio fratello; sul secondo, invece, ricevuto per successione, mia madre mantiene il diritto di abitazione. Devo dichiararli?
alt default
Lo scorso anno ho subaffittato l’appartamento che avevo in locazione. Le somme percepite come vanno considerate ai fini fiscali? In che quadro della dichiarazione devo inserirle?
alt default
Mia madre, invalida, ha assunto nel 2014 una badante, non in possesso di particolari qualifiche professionali. Può detrarne la spesa nella dichiarazione dei redditi?
alt default
Nel calcolo del limite reddituale per ritenere un familiare a carico, va considerata la rendita catastale dell’abitazione principale?