La Posta
Gratuito patrocinio
gratuito patrocinio
Nel calcolo del limite di reddito per essere ammessi al beneficio del gratuito patrocinio rientrano anche i redditi esenti?
F. Di Salvatore
La condizione per l’ammissione al patrocinio gratuito è il possesso di un reddito imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a 10.628,16 euro. Se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante; in tal caso, il limite di reddito viene elevato di 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.
Ai fini della determinazione del reddito per l’ammissione al gratuito patrocinio si deve tener conto del reddito imponibile ai fini Irpef risultante dall’ultima dichiarazione, quale definito dall’articolo 3 del Tuir, e anche dei redditi che per legge sono esenti dall’Irpef o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta ovvero a imposta sostitutiva.
L’articolo 3 del Tuir, nel disciplinare la base imponibile ai fini fiscali, prevede che “l’imposta si applica sul reddito complessivo del soggetto, formato per i residenti da tutti i redditi posseduti al netto degli oneri deducibili indicati nell’art. 10”.
Qualora vi siano fondati motivi per ritenere che l’interessato non versi nelle predette condizioni reddituali, tenuto conto del tenore di vita, delle condizioni personali e familiari, e delle attività economiche eventualmente svolte, può essere revocata l’ammissione al patrocinio gratuito.
E’ compito dell’ufficio dell’Amministrazione finanziaria territorialmente competente verificare l’esattezza dell’ammontare del reddito attestato dall’interessato.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 10 Ottobre 2011

I quesiti più cliccati

Si può beneficiare della detrazione per i canoni di locazione pagati da studenti universitari fuori sede, se il comune di residenza, benché distante più di 100 Km, è situato nella stessa provincia dell’università?
È possibile applicare la cedolare secca a un contratto di sublocazione?
Prima di morire, mia madre aveva acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale, stipulando un contratto di mutuo. In qualità di sua unica erede, posso detrarre gli interessi passivi?
In che misura è possibile usufruire della detrazione per canone di locazione a favore dei giovani nel caso in cui solo uno dei due inquilini abbia i requisiti anagrafici e reddituali?
La locazione con contratto turistico, durante il periodo estivo, dell’abitazione acquistata con i benefici prima casa comporta la decadenza dall’agevolazione?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino