La Posta
Gratuito patrocinio
gratuito patrocinio
Nel calcolo del limite di reddito per essere ammessi al beneficio del gratuito patrocinio rientrano anche i redditi esenti?
F. Di Salvatore
La condizione per l’ammissione al patrocinio gratuito è il possesso di un reddito imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a 10.628,16 euro. Se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante; in tal caso, il limite di reddito viene elevato di 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.
Ai fini della determinazione del reddito per l’ammissione al gratuito patrocinio si deve tener conto del reddito imponibile ai fini Irpef risultante dall’ultima dichiarazione, quale definito dall’articolo 3 del Tuir, e anche dei redditi che per legge sono esenti dall’Irpef o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta ovvero a imposta sostitutiva.
L’articolo 3 del Tuir, nel disciplinare la base imponibile ai fini fiscali, prevede che “l’imposta si applica sul reddito complessivo del soggetto, formato per i residenti da tutti i redditi posseduti al netto degli oneri deducibili indicati nell’art. 10”.
Qualora vi siano fondati motivi per ritenere che l’interessato non versi nelle predette condizioni reddituali, tenuto conto del tenore di vita, delle condizioni personali e familiari, e delle attività economiche eventualmente svolte, può essere revocata l’ammissione al patrocinio gratuito.
E’ compito dell’ufficio dell’Amministrazione finanziaria territorialmente competente verificare l’esattezza dell’ammontare del reddito attestato dall’interessato.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Lunedì 10 Ottobre 2011

I quesiti più cliccati

Ho letto che la legge di stabilità 2016 ha prorogato la rivalutazione di terreni non posseduti in regime di impresa. Che requisiti deve avere la perizia?
Mio padre è deceduto lo scorso anno. Mia madre, erede, subentrata come conduttrice nel contratto di locazione del loro appartamento, può continuare a detrarre le spese sostenute per la ristrutturazione?
Le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione universitaria in teologia sono detraibili e, se sì, in che misura?
Ho sostenuto con mia moglie le spese per la mensa scolastica di mia figlia. La ricevuta è intestata a mia figlia. Chi di noi due può detrarre?
Ho saputo che è possibile detrarre le spese sostenute lo scorso anno per la mensa scolastica di mio figlio; ho pagato in contanti: è un problema?