La Posta
Ici: i requisiti dell' housing sociale per fruire dell'esenzione
Per poter fruire dell'esenzione in materia di Ici quali caratteri deve  avere l’housing sociale?
Debora Di Benedetto
L'articolo 7, comma 1, lettera i), del Dlgs n. 504/1992, riconosce l'esenzione dall'Ici agli immobili utilizzati dai soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettera c), del Tuir e destinati, oltre che allo svolgimento di attivita' assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, culturali, ricreative, sportive, anche all’housing sociale a beneficio di persone bisognose per il periodo dell'anno durante il quale sussistono le condizioni di criticità in cui versano purchè le predette attività non abbiano esclusivamente natura commerciale.


L'articolo 73, comma 1, lettera c), del Tuir qualifica enti non commerciali:

  •  gli enti pubblici, cioè gli organi e le amministrazioni dello Stato
  • gli enti territoriali (comuni, consorzi tra enti locali, comunità montane, province, regioni, associazioni e enti gestori del demanio collettivo, camere di commercio)
  • le aziende sanitarie e gli enti pubblici istituiti esclusivamente per lo svolgimento di attività previdenziali, assistenziali e sanitarie
  • gli enti pubblici non economici
  •  gli istituti previdenziali e assistenziali
  •  le Università ed enti di ricerca
  • le aziende pubbliche di servizi alla persona (ex IPAB)
  • gli enti privati, cioè gli enti disciplinati dal codice civile (associazioni, fondazioni e comitati) e gli enti disciplinati da specifiche leggi di settore, come, ad esempio: le organizzazioni di volontariato (legge 11 agosto 1991, n. 266); le organizzazioni non governative (legge 26 febbraio 1987, n. 49, articolo 5); le associazioni di promozione sociale (legge 7 dicembre 2000, n. 383); le associazioni sportive dilettantistiche (articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289); le fondazioni risultanti dalla trasformazione degli enti autonomi lirici e delle istituzioni concertistiche assimilate (Dlgs 23 aprile 1998, n. 134); le ex IPAB privatizzate; gli enti che acquisiscono la qualifica fiscale di Onlus (Dlgs 4 dicembre 1997, n. 460); gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti secondo le previsioni dell'Accordo modificativo del Concordato lateranense (legge 25 marzo 1985, n. 121 per la Chiesa cattolica) e delle intese tra lo Stato italiano e le altre confessioni religiose.

Per beneficiare dell’esenzione per l’esercizio di housing sociale è necessario che le rette imposte ai soggetti a favore dei quali venga offerto siano inferiori notevolmente rispetto ai prezzi di mercato e che le iniziative poste in essere:
  1. mirino a garantire soluzioni abitative temporanee per bisogni speciali (ad esempio: centri di accoglienza, pensionati per parenti di malati ricoverati in ospedali distanti dalle proprie residenze, comunità alloggio)
  2. ovvero soddisfino i bisogni abitativi – anche per periodi lunghi - di categorie sociali meritevoli (ad esempio: pensionati per studenti, per lavoratori precari e per stranieri).  

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 12 Gennaio 2010

I quesiti più cliccati

Le spese sanitarie rimborsate sono detraibili?
La quota del credito d’imposta per il riacquisto della prima casa spettante alla moglie (fiscalmente a carico) è utilizzabile in dichiarazione dal marito?
Le spese per la mensa scolastica dei figli sono detraibili?
Entro quale termine deve essere presentata la dichiarazione di successione in  caso di morte presunta?
Per il rinnovo della patente è necessario sostenere una visita medica che accerti il permanere delle condizioni di idoneità psicofisica. La spesa può essere detratta?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino