La Posta
Imposta sostitutiva mutuo cointestato
Mia figlia sta per comprare un appartamento con i benefici “prima casa”, che sarà intesto interamente a lei. Il mutuo, invece, sarà cointestato con me. In che misura si applica, in questo caso, l’imposta sostitutiva sul finanziamento?
Silvia S.
Le operazioni relative ai finanziamenti a medio e lungo termine, al ricorrere di determinate condizioni, sono sottratte al trattamento ordinario di imposizione indiretta – consistente nel pagamento delle imposte di registro, di bollo, ipotecaria e catastale e della tassa sulle concessioni governative – e assoggettate al pagamento di un’imposta sostitutiva, la cui aliquota varia a seconda della tipologia e della finalità del finanziamento (articoli 15-20-bis, Dpr 601/1973). Con specifico riguardo ai mutui concessi a persone fisiche per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili a uso abitativo (e relative pertinenze), è necessario distinguere a seconda che sussistano o meno i requisiti per usufruire dei benefici “prima casa” (come previsti dalla nota II-bis all’articolo 1 della tariffa, parte prima, Dpr 131/1986). In assenza di tali requisiti, l’aliquota dell’imposta sostitutiva è pari al 2% dell’ammontare complessivo del finanziamento. Nell’ipotesi in cui, invece, ricorrano le condizioni per l’agevolazione “prima casa” e la sussistenza delle stesse risulti da apposita dichiarazione della parte mutuataria resa nell’atto di finanziamento o allegata al medesimo, si applica l’aliquota dello 0,25%. Nel caso in cui il finanziamento sia cointestato, è necessario che tale dichiarazione sia resa da tutti i mutuatari. Peraltro, l’aliquota alla quale commisurare l’imposta sostitutiva deve essere individuata con esclusivo riferimento alla quota parte di finanziamento erogata a ciascun mutuatario e alla destinazione di tale quota. Di conseguenza, nel caso di finanziamento cointestato e destinato all’acquisto di immobile a uso abitativo che costituisca “prima casa” solo per uno dei mutuatari, l’imposta sostitutiva si applica nella misura dello 0,25% solo alla parte del finanziamento erogata al soggetto che acquista la casa in regime agevolato (circolare 19/E del 9 maggio 2005, paragrafo 2.4).

risponde
Gennaro Napolitano
 pubblicato Giovedì 5 Gennaio 2017

I quesiti più cliccati

La sostituzione della caldaia consente di beneficiare del bonus arredi?
Mia moglie, senza alcun reddito e a mio carico, è intestataria del contratto di locazione della nostra abitazione. Posso usufruire io della detrazione per i relativi canoni, anche se non sono titolare del contratto ma pago l'affitto?
Come va versata la sanzione per la mancata presentazione della comunicazione relativa alla proroga della cedolare secca?
Anche per le spese sostenute nel 2017 è ammessa la detrazione Irpef del 65% per l’installazione di schermature solari?
È detraibile l’importo versato per il tesseramento annuale a un partito politico?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino