La Posta
Locazione di appartamenti per le vacanze
La locazione di unità immobiliari a uso case e appartamenti per vacanze, catastalmente classificate A/3, a quale regime Iva è assoggettabile?
F. Di Tucci
Gli immobili abitativi, utilizzati dal soggetto passivo nell’ambito di un’attività di tipo ricettivo (gestione di case vacanze, affitto camere, eccetera) che comporti l’effettuazione di prestazioni di servizi imponibili a Iva, sono trattati, a prescindere dalla classificazione catastale, alla stregua dei fabbricati strumentali per natura.
Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate, nella risoluzione n. 177/2004 e nella circolare n. 12/2007, l’attività di locazione immobili a uso turistico può essere qualificata come attività di prestazione di alloggio nel settore alberghiero se è qualificabile come tale sulla base della normativa di settore. In tal caso, è assoggettata a Iva, con applicazione dell’aliquota del 10%, ai sensi del n. 120) della Tabella A, parte III, allegata al Dpr n. 633/1972, concernente “prestazioni rese ai clienti alloggiati nelle strutture ricettive di cui all’art. 6 della legge n. 217/1983 e successive modificazioni...”. Pertanto, affinché le locazioni di immobili abitativi possano essere qualificate attività di tipo turistico - alberghiero, e attratte nella specifica normativa Iva prevista per l’attività propria degli alberghi, motel, esercizi di affittacamere, case e appartamenti per vacanze, e simili, è necessario che ricorrano i requisiti a tal fine richiesti dalla normativa di settore.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Mercoledì 16 Maggio 2012

I quesiti più cliccati

Sono un cittadino italiano e a breve trasferirò all’estero la mia residenza. Sono obbligato a iscrivermi all’Aire?
In caso di pagamento in un’unica soluzione dell’imposta di registro per un contratto di locazione di un appartamento della durata di quattro anni, sono previste agevolazioni sull’importo dovuto?
La detrazione per canoni di locazione prevista per gli inquilini di unità immobiliari adibite ad abitazione principale è cumulabile con quella riconosciuta ai lavoratori dipendenti trasferiti?
Sono detraibili le spese veterinarie sostenute per la cura di animali destinati all’allevamento?
Per beneficiare della detrazione Irpef del 19% in relazione a spese sostenute per cure odontoiatriche, qual è la dicitura corretta che deve essere inserita dal medico sulla fattura?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino