La Posta
Onlus e registrazione del comodato d'uso di un immobile
Vorrei sapere se occorre necessariamente registrare un contratto di comodato d'uso di un immobile per una Onlus e quali rischi si corrono se non viene registrato.
Guarino 64

La disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale non prevede l'applicazione di agevolazioni in materia d'imposta di registro se non per gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili e degli atti traslativi o costitutivi di diritti reali immobiliari di godimento (art. 22, Dlgs 460/97). Il contratto di comodato non è contemplato nella disciplina delle Onlus e, pertanto, soggiace alla normativa generale relativa all'imposta di registro che prevede condizioni diverse a seconda che il contratto abbia forma scritta ovvero  forma orale. Il comodato, infatti, è un contratto a titolo gratuito (articolo 1803, comma 2, c.c.) a forma libera ai sensi dell'articolo 1350 del codice civile. L'imposta di registro colpisce tutti gli atti scritti a contenuto patrimoniale formati nel territorio dello Stato o, se formati all'estero, aventi ad oggetto il trasferimento di diritti reali ovvero la locazione o l'affitto di beni immobili o aziende situate in Italia. Le spese di registrazione sono a carico del comodatario. Il contratto di comodato di beni immobili in forma scritta è soggetto a registrazione in termine fisso (20 giorni dalla data dell'atto se formato in Italia e 60 giorni se formato all'estero) e a esso si applica l'imposta nella misura di 168 euro a prescindere dalla forma in cui è redatto (atto pubblico, scrittura privata autenticata o non autenticata). in quanto l'obbligo della registrazione discende direttamente dalla natura dei beni oggetto del contratto. L'omessa registrazione comporta l'applicazione delle sanzioni. Sono, invece, esclusi dal campo di applicazione dell'imposta i contratti verbali, ad eccezione di quelli espressamente previsti dall'articolo 3, comma 1, del Testo unico dell'imposta di registro di cui al Dpr 131/86. Per tutti gli altri contratti verbali la registrazione è prevista solo qualora le relative disposizioni siano enunciate in altri atti, ai sensi dell'articolo 22 del citato Testo unico. Nel caso in cui l'atto enunciato è soggetto a imposta in termine fisso e le parti risultano inadempienti, esso sarà inviato all'ufficio del registro per essere sottoposto alla tassazione e all'applicazione delle sanzioni per la ritardata registrazione.

 pubblicato Venerdì 12 Dicembre 2008

I quesiti più cliccati

alt default
Divorziata dal 2002, sono affidataria dei figli al 100%. In mancanza di accordo in merito alla fruizione delle relative detrazioni, l'ex coniuge ha richiesto le stesse al 50%. È corretto?
alt default
In caso di immobile di proprietà del padre, dato in uso gratuito al figlio che lo utilizza come abitazione principale, chi deve pagare la Tasi?
alt default
Ho aperto la partita Iva nell'aprile 2013 per attività taxi; posso ancora fare domanda per rientrare nel regime dei "nuovi minimi"?
alt default
Posso usufruire delle agevolazioni prima casa per l'acquisito di un’unità immobiliare se, antecedentemente, in un diverso comune, ho acquistato un appartamento senza beneficiarne?
alt default
Mia suocera ha la necessità di assumere una badante, pagandola inizialmente lei, poi aiutata dai figli. E' possibile detrarre la spesa e, se sì, come va ripartita?