La Posta
Recupero edilizio: prosecuzione lavori
In caso di prosecuzione di lavori iniziati in anni precedenti, come va calcolato il limite massimo delle spese detraibili per gli interventi di recupero edilizio?
Annarosa B.
La legge di bilancio 2018 ha prorogato fino al 31 dicembre 2018 la misura maggiorata (50%) della detrazione Irpef relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio. Il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione è di 96mila euro per ciascuna unità immobiliare. Nel caso in cui i lavori realizzati in un anno consistano nella mera prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti, per il calcolo del limite massimo delle spese ammesse a fruire della detrazione si tiene conto anche di quelle spese sostenute negli stessi anni. Pertanto, si ha diritto all’agevolazione solo se la spesa per la quale si è già fruito della relativa detrazione non ha superato il limite complessivo previsto (articolo 16-bis, comma 4, Tuir).

risponde
Gennaro Napolitano
 pubblicato Martedì 10 Aprile 2018

I quesiti più cliccati

Per quali tipologie di interventi di recupero edilizio è necessario inviare la documentazione all’Enea?
La vendita infraquinquennale dell’abitazione principale genera una plusvalenza imponibile?
In caso di comunione, come deve essere imputato il credito d’imposta per il riacquisto della prima casa?
L’eliminazione delle barriere architettoniche è agevolabile anche se nel condominio non abita nessuna persona disabile?
In caso di installazione di pannelli solari, la detrazione d’imposta spetta anche per le spese professionali?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino