La Posta
Regime Iva del restauro degli affreschi degli edifici storici
A quale aliquota Iva devono essere assoggettate le fatture relative alle spese di restauro degli affreschi presenti all’interno di un edificio storico soggetto a vincolo della Soprintendenza?
I. Lattanzi
Statue, affreschi, mosaici, sculture incorporate in fabbricati, soffitti in legno e ceramica, elementi decorativi di qualsiasi tipo presenti in edifici, monumenti in pietra eccetera, rientrano nel patrimonio artistico o storico dello Stato o di altri enti e, in quanto tali, sono soggetti alla tutela artistica e archeologica di cui alla legge n. 1089/1939.
Il recupero del patrimonio edilizio e urbanistico esistente è disciplinato dalle norme recate dal titolo IV della legge n. 457/1978 e successive modificazioni.
E’ prevista un’aliquota Iva ridotta sui corrispettivi afferenti i contratti di appalto relativi a opere di manutenzione straordinaria, di restauro o risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia e urbanistica (articolo 8, n. 6), del Dl n. 693/1980, convertito con modifiche dalla legge 891/1980).
Gli interventi relativi agli affreschi dipinti sulle pareti dell’edificio, ove non comportino una semplice pulitura dell’affresco stesso ma siano integrati con interventi di restauro e di risanamento conservativo sulle opere murarie in stato di degrado, possono godere dell’aliquota Iva solo se sono effettuati su edifici e organismi edilizi, come previsto dall’articolo 31 della legge n. 457/1978. Per il restauro degli affreschi dovrà dunque esaminarsi caso per caso se ricorrono i presupposti per l’applicazione del beneficio.
In altre parole, l’elemento di supporto per la concessione dell’agevolazione tributaria va individuato non isolatamente nel restauro dell’affresco, ma nel complesso dei lavori occorrenti per il consolidamento delle opere murarie in stato di degrado. Soltanto dall’esame in concreto dei singoli interventi di restauro è possibile stabilire, di volta in volta, se si tratti di manutenzione straordinaria ai fini dell’applicazione o meno del beneficio tributario.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 18 Gennaio 2011

I quesiti più cliccati

Si può beneficiare della detrazione per i canoni di locazione pagati da studenti universitari fuori sede, se il comune di residenza, benché distante più di 100 Km, è situato nella stessa provincia dell’università?
È possibile applicare la cedolare secca a un contratto di sublocazione?
Prima di morire, mia madre aveva acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale, stipulando un contratto di mutuo. In qualità di sua unica erede, posso detrarre gli interessi passivi?
In che misura è possibile usufruire della detrazione per canone di locazione a favore dei giovani nel caso in cui solo uno dei due inquilini abbia i requisiti anagrafici e reddituali?
La locazione con contratto turistico, durante il periodo estivo, dell’abitazione acquistata con i benefici prima casa comporta la decadenza dall’agevolazione?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino