La Posta
Registrazione dei contratti di comodato
alt default
Il contratto di comodato gratuito di un immobile a uso abitazione deve essere registrato? Bisogna compilare il modello 69? A quanto ammonta l’imposta? E per un contratto di comodato gratuito d’uso di automobile?
Michela
I contratti verbali di comodato, sia che abbiano per oggetto beni immobili che beni mobili, non sono soggetti all’obbligo della registrazione, tranne nell’ipotesi di enunciazione in altri atti. Il contratto di comodato di beni immobili in forma scritta è invece soggetto a registrazione in termine fisso, con applicazione dell’imposta di registro in misura fissa (attualmente, 168 euro), indipendentemente dalla forma in cui è redatto (atto pubblico, scrittura privata autenticata o non autenticata). Per quanto riguarda infine il contratto di comodato di beni mobili in forma scritta, quando redatto nella forma della scrittura privata non autenticata, la registrazione è prevista solo in caso d’uso, con applicazione dell’imposta di registro nella misura fissa di 168 euro; se il contratto è redatto in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata è soggetto a registrazione in termine fisso con applicazione dell’imposta nella misura fissa di 168 euro.
La richiesta di registrazione va effettuata con il modello 69.

risponde
r.fo.
 pubblicato Lunedì 18 Febbraio 2013

I quesiti più cliccati

L’acquisto di una casa ristrutturata consente di usufruire del bonus mobili?
Ho letto che la legge di stabilità 2016 ha prorogato la rivalutazione di terreni non posseduti in regime di impresa. Che requisiti deve avere la perizia?
Mio padre è deceduto lo scorso anno. Mia madre, erede, subentrata come conduttrice nel contratto di locazione del loro appartamento, può continuare a detrarre le spese sostenute per la ristrutturazione?
Ho sostenuto con mia moglie le spese per la mensa scolastica di mia figlia. La ricevuta è intestata a mia figlia. Chi di noi due può detrarre?
Le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione universitaria in teologia sono detraibili e, se sì, in che misura?