La Posta
Registrazione del decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall'acquirente di un immobile non realizzato
Il decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall’acquirente di un immobile non realizzato nel rispetto delle condizioni negoziali pattuite a quale regime è assoggettabile, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro?
T. Marino
L’imposta di registro, nella misura fissa di 168 euro, trova applicazione agli atti che dichiarano la nullità o pronunciano l’annullamento di un atto, ancorché portanti condanna alla restituzione di denaro o beni, o la risoluzione di un contratto.
Viceversa, per gli atti recanti condanna al pagamento di somme o valori, l’imposta è stabilita in misura proporzionale (3%).
Il decreto ingiuntivo di condanna alla restituzione delle somme versate dall’acquirente per effetto dell’avvenuta risoluzione del contratto per inadempimento, se è esecutivo e se emesso sulla base della prova scritta costituita dal contratto recante la clausola risolutiva espressa , deve essere assoggettato all’imposta proporzionale di registro (articolo 8, lettera b), della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 131/1986 - Testo unico dell’imposta di registro).

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Giovedì 3 Marzo 2011

I quesiti più cliccati

Ho presentato il modello 730/2016 dal quale è risultato un credito Irpef. Il datore di lavoro, per incapienza, non ha provveduto integralmente al rimborso. Come devo comportarmi?
Sono una professionista. Posso detrarre come costo d'esercizio i canoni versati per un’unità immobiliare di categoria A/2, il cui contratto di locazione è stato registrato con la cedolare secca?
L'Agenzia delle Entrate mi ha inviato una comunicazione per evidenziare un reddito non dichiarato per il 2012. Quanto tempo ho per inviare la dichiarazione integrativa e pagare il dovuto?
Dovrei comprare un montascale per mio padre, molto anziano, ma non portatore di handicap. Che aliquota Iva mi verrà applicata sull’acquisto?
Nel 2015 ho conseguito redditi assoggettati a cedolare secca per 7.500 euro e redditi da lavoro dipendente per 20.000 euro. Ho diritto al bonus Irpef di 80 euro mensili?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino