La Posta
Registrazione del decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall'acquirente di un immobile non realizzato
Il decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall’acquirente di un immobile non realizzato nel rispetto delle condizioni negoziali pattuite a quale regime è assoggettabile, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro?
T. Marino
L’imposta di registro, nella misura fissa di 168 euro, trova applicazione agli atti che dichiarano la nullità o pronunciano l’annullamento di un atto, ancorché portanti condanna alla restituzione di denaro o beni, o la risoluzione di un contratto.
Viceversa, per gli atti recanti condanna al pagamento di somme o valori, l’imposta è stabilita in misura proporzionale (3%).
Il decreto ingiuntivo di condanna alla restituzione delle somme versate dall’acquirente per effetto dell’avvenuta risoluzione del contratto per inadempimento, se è esecutivo e se emesso sulla base della prova scritta costituita dal contratto recante la clausola risolutiva espressa , deve essere assoggettato all’imposta proporzionale di registro (articolo 8, lettera b), della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 131/1986 - Testo unico dell’imposta di registro).

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Giovedì 3 Marzo 2011

I quesiti più cliccati

alt default
Ho preso in affitto un appartamento a partire dal mese di agosto. Sono tenuto al pagamento della Tasi?
alt default
Ho acquistato un immobile al 100% con mutuo cointestato con mia moglie. Posso detrarre io per intero gli interessi, visto che lei, non essendo proprietaria, non può scalare la sua quota?
alt default
Voglio distaccarmi dall’impianto di riscaldamento centralizzato, installando un nuovo impianto autonomo? Posso fruire di detrazioni fiscali?
alt default
Negli anni passati ho versato, sulla seconda casa, più Imu di quella dovuta. Quanto tempo ho per chiedere il rimborso? Con quali modalità?
alt default
Ho compiuto nel 2013 degli interventi di ristrutturazione edilizia riguardanti sia la mia casa che le pertinenze della stessa. Come si calcola il limite massimo detraibile?