La Posta
Registrazione del decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall'acquirente di un immobile non realizzato
Il decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall’acquirente di un immobile non realizzato nel rispetto delle condizioni negoziali pattuite a quale regime è assoggettabile, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro?
T. Marino
L’imposta di registro, nella misura fissa di 168 euro, trova applicazione agli atti che dichiarano la nullità o pronunciano l’annullamento di un atto, ancorché portanti condanna alla restituzione di denaro o beni, o la risoluzione di un contratto.
Viceversa, per gli atti recanti condanna al pagamento di somme o valori, l’imposta è stabilita in misura proporzionale (3%).
Il decreto ingiuntivo di condanna alla restituzione delle somme versate dall’acquirente per effetto dell’avvenuta risoluzione del contratto per inadempimento, se è esecutivo e se emesso sulla base della prova scritta costituita dal contratto recante la clausola risolutiva espressa , deve essere assoggettato all’imposta proporzionale di registro (articolo 8, lettera b), della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 131/1986 - Testo unico dell’imposta di registro).

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Giovedì 3 Marzo 2011

I quesiti più cliccati

alt default
Ho ricevuto una fattura per una prestazione sanitaria. È senza bollo. Sono tenuto a sanare la situazione? In caso positivo potrò detrarre tale spesa?
corso di formazione
Ho frequentato un corso di formazione presso l'università di Siena, durato un anno circa. Posso detrarre i costi sostenuti come spese di istruzione?
alt default
Sono nel regime dei "nuovi minimi" dal 2012 e quest'anno compio 35 anni. Il regime dura cinque anni dal 2012 o finisce quest'anno al compimento dei 35 anni?
alt default
Ho intenzione di ampliare la mia abitazione, acquistata come prima casa, comprando una stanza di un appartamento adiacente. Potrò fruire dei benefici anche per quest'ultima?
alt default
Un residente in Italia lavora per una compagnia con sede in Austria; sullo stipendio gli viene trattenuta un’imposta del 20%. Deve dichiarare in Italia il reddito?