La Posta
Registrazione del decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall'acquirente di un immobile non realizzato
Il decreto ingiuntivo di restituzione delle somme anticipate dall’acquirente di un immobile non realizzato nel rispetto delle condizioni negoziali pattuite a quale regime è assoggettabile, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro?
T. Marino
L’imposta di registro, nella misura fissa di 168 euro, trova applicazione agli atti che dichiarano la nullità o pronunciano l’annullamento di un atto, ancorché portanti condanna alla restituzione di denaro o beni, o la risoluzione di un contratto.
Viceversa, per gli atti recanti condanna al pagamento di somme o valori, l’imposta è stabilita in misura proporzionale (3%).
Il decreto ingiuntivo di condanna alla restituzione delle somme versate dall’acquirente per effetto dell’avvenuta risoluzione del contratto per inadempimento, se è esecutivo e se emesso sulla base della prova scritta costituita dal contratto recante la clausola risolutiva espressa , deve essere assoggettato all’imposta proporzionale di registro (articolo 8, lettera b), della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 131/1986 - Testo unico dell’imposta di registro).

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Giovedì 3 Marzo 2011

I quesiti più cliccati

È vero che non è più possibile dedurre il contributo sanitario obbligatorio versato con il premio di assicurazione di responsabilità civile per i veicoli?
Ho assunto un assistente familiare per mia madre, anziana e non autosufficiente. Mi spetta qualche agevolazione fiscale per questa spesa?
Ho deciso di ridurre per un periodo di tempo il canone del contratto di locazione di un appartamento di mia proprietà, per venire incontro al mio inquilino. Devo registrare la variazione? Devo pagare bollo e registro?
È possibile detrarre, ai fini Irpef, le spese sostenute per prelievo del sangue finalizzato alla crioconservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale a uso autologo?
Nel caso di ristrutturazione di un immobile in cui la proprietà è suddivisa tra l’usufruttuario e il nudo proprietario, chi può usufruire della detrazione fiscale?