La Posta
Spese per la frequenza di un asilo nido
Le rette versate per la frequenza di un asilo nido gestito da un’associazione di solidarietà familiare possono essere detratte dai genitori? La detrazione va riferita al periodo scolastico?
L. Bottini
Le spese sostenute dai genitori per la frequenza di asili nido da parte dei figli sono detraibili nella misura del 19%. Il tetto massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione è di 632 euro annui per ogni figlio e lo sconto d’imposta massimo ottenibile è di 120,08 euro.
Non sono necessarie specifiche caratteristiche tipologiche della struttura, ma è importante che si tratti di sede diretta a garantire la formazione e la socializzazione delle bambine e dei bambini di età compresa tra i tre mesi e i tre anni e a sostenere le famiglie e i genitori. Pertanto, è possibile fruire del beneficio fiscale in relazione alle somme versate a qualsiasi asilo nido, sia pubblico che privato.
Per individuare il periodo scolastico di riferimento, la detrazione, in aderenza al principio di cassa, compete in relazione alle spese sostenute nel periodo d’imposta, a prescindere dall’anno scolastico cui si riferiscono.
Le spese devono essere documentate secondo i principi generali validi in tema di detrazione.
La detrazione va divisa tra i genitori sulla base dell’onere da ciascuno sostenuto. Qualora il documento di spesa sia intestato al bimbo, o a uno solo dei coniugi, è comunque possibile specificare, mediante annotazione sullo stesso, le percentuali di spesa imputabili a ciascuno degli aventi diritto.
La documentazione dell’avvenuto pagamento può essere costituita da fattura, bollettino bancario o postale, ricevuta o quietanza di pagamento.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Mercoledì 6 Luglio 2011

I quesiti più cliccati

Ho commesso un errore nella compilazione del bonifico effettuato per dei lavori di ristrutturazione edilizia (ho indicato, come causale, risparmio energetico). Ho perso il diritto alla detrazione?
Per un problema relativo all’invio del modello 730/4, non ho ricevuto il rimborso dal mio datore di lavoro. Come posso fare per ottenere quanto non percepito?
alt default
In seguito a un problema con un mio cliente, avrei bisogno di sapere in cosa si differenzia la fattura emessa in formato elettronico da quella cartacea.
Posso detrarre gli interessi passivi su un mutuo contratto per l’acquisto di una casa da accorpare alla mia abitazione principale, per la quale già detraggo gli interessi passivi sul mutuo?
Nuova rivalutazione di un terreno
Ho un terreno edificabile, a suo tempo rivalutato. Se usufruisco della nuova analoga opportunità prevista dalla Stabilità 2015, posso compensare quanto ho versato in precedenza o devo chiedere il rimborso?