La Posta
Spese mediche di ricovero e di assistenza specifica
Vorrei sapere se la retta di ricovero in un istituto di assistenza per anziani e le connesse spese di assistenza specifica sono detraibili.
A. Monnini
Il pagamento della retta di ricovero di un anziano in un istituto di assistenza e ricovero non costituisce una spesa sanitaria per la quale spetta la detrazione del 19%. E’ possibile fruire della detrazione per le spese mediche di assistenza specifica indicate nella documentazione rilasciata dall’istituto.
Le spese di assistenza specifica sono quelle sostenute per:
- assistenza infermieristica e riabilitativa;
- prestazioni rese dagli addetti all’assistenza di base e dagli operatori tecnici dedicati all’assistenza del ricoverato;
- prestazioni rese dal personale di coordinamento delle attività assistenziali;
- prestazioni rese dagli educatori professionali;
- prestazioni rese dagli addetti all’animazione e/o alla terapia occupazionale.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Mercoledì 3 Giugno 2009

I quesiti più cliccati

Nel 2015 ho conseguito redditi assoggettati a cedolare secca per 7.500 euro e redditi da lavoro dipendente per 20.000 euro. Ho diritto al bonus Irpef di 80 euro mensili?
Io e mia moglie abbiamo i nostri due figli a carico, al 50% ciascuno. Per uno dei due, abbiamo sostenuto spese dentistiche di importo elevato; i documenti di spesa sono intestati al ragazzo. Potevo detrarre tutto io?
Sono previste agevolazioni fiscali per l'acquisto di strumenti informatici (nello specifico un computer) per mio figlio, affetto da disturbi specifici dell'apprendimento?
Recentemente è morta mia madre. Non ho ancora accettato l’eredità. Qualora lo facessi, sarei tenuto a rispondere dei suoi debiti nei confronti del fisco?
Usufruisco dal 2015 del regime forfettario. Svolgo sia attività di lavoro autonomo che di impresa. In dichiarazione dei redditi, nel quadro LM, cosa devo indicare al riguardo?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino