La Posta
Spesometro e schede carburante
alt default
Devo inviare lo spesometro per l’anno di imposta 2012. Devono essere indicate anche le schede carburante?
Lucia Vivenzi
I contribuenti soggetti all’imposta sul valore aggiunto non sono soggetti all’obbligo di tenuta della scheda carburante nell’ipotesi in cui effettuino acquisti di carburante esclusivamente mediante carte elettroniche (articolo 7, comma 2, lettera p, del Dl 70/2011). In tale ipotesi, infatti, opera l’esonero dalla tenuta della scheda carburante previsto dall’articolo 1, comma 3-bis, del Dpr 444/1997. Ciò in quanto l’uso della carta di credito (o di debito o di una prepagata) consente comunque di conoscere gli acquisti di carburante effettuati attraverso la comunicazione cui sono tenuti gli operatori finanziari (come indicato dall’articolo 21, comma 1-ter, del Dl 78/2010). Negli altri casi, in cui permane la tenuta delle schede carburante, è invece necessario darne comunicazione attraverso il modello polivalente predisposto dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 2 agosto 2013, riportando i dati con le stesse modalità del documento riepilogativo.

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Lunedì 18 Novembre 2013

I quesiti più cliccati

A quali condizioni è possibile dedurre le spese mediche generiche e di assistenza specifica per le persone disabili? Può beneficiarne la figlia della persona portatrice di handicap?
Le mance percepite dai croupiers costituiscono reddito?
È possibile applicare la cedolare secca a un contratto di sublocazione?
Si può beneficiare della detrazione per i canoni di locazione pagati da studenti universitari fuori sede, se il comune di residenza, benché distante più di 100 Km, è situato nella stessa provincia dell’università?
La moglie che, dopo la morte del marito, sia titolare del diritto di abitazione sulla casa coniugale, è tenuta a indicare il fabbricato nella propria dichiarazione dei redditi?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino