La Posta
Spesometro e schede carburante
alt default
Devo inviare lo spesometro per l’anno di imposta 2012. Devono essere indicate anche le schede carburante?
Lucia Vivenzi
I contribuenti soggetti all’imposta sul valore aggiunto non sono soggetti all’obbligo di tenuta della scheda carburante nell’ipotesi in cui effettuino acquisti di carburante esclusivamente mediante carte elettroniche (articolo 7, comma 2, lettera p, del Dl 70/2011). In tale ipotesi, infatti, opera l’esonero dalla tenuta della scheda carburante previsto dall’articolo 1, comma 3-bis, del Dpr 444/1997. Ciò in quanto l’uso della carta di credito (o di debito o di una prepagata) consente comunque di conoscere gli acquisti di carburante effettuati attraverso la comunicazione cui sono tenuti gli operatori finanziari (come indicato dall’articolo 21, comma 1-ter, del Dl 78/2010). Negli altri casi, in cui permane la tenuta delle schede carburante, è invece necessario darne comunicazione attraverso il modello polivalente predisposto dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 2 agosto 2013, riportando i dati con le stesse modalità del documento riepilogativo.

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Lunedì 18 Novembre 2013

I quesiti più cliccati

alt default
A ottobre comprerò casa assiema alla mia compagna, con la quale convivo da più di tre anni. L'appartamento potrà essere destinato a nostra abitazione principale solo a gennaio 2017. Ci spetta il bonus mobili per giovani coppie?
alt default
Per esigenze di lavoro, ho chiesto di fruire, per mio figlio che frequenta la scuola primaria, del servizio di pre e post scuola. Il costo è di 46 euro mensili. Tale spesa è detraibile nella dichiarazione dei redditi?
Per fruire del bonus mobili giovani coppie, quali mezzi di pagamento è possibile utilizzare? Se si opta per il bonifico, deve avere requisiti particolari?
Nel 2015 ho sostenuto delle spese per l’assistenza personale di mio padre, fiscalmente non a mio carico. Le prestazioni sono state effettuate presso una casa di riposo. Posso detrarle?
Io e mia moglie siamo residenti in due distinti appartamenti, di cui siamo proprietari, in due comuni diversi. Entrambi siamo intestatari delle relative utenze elettriche. È corretto l’addebito del canone in bolletta per entrambi?