La Posta
Tassazione della cessione della quota di diritto dell'immobile ereditato dietro conguaglio
D'accordo con mio fratello ho deciso di procedere alla divisione dell’asse ereditario, costituito da un immobile. Ho intenzione di  procedere alla cessione a mio fratello della mia quota di diritto dietro conguaglio. Vorrei sapere se, ai fini della tassa di registro, sul conguaglio trova applicazione il criterio tabellare.
P. Fedele
L’atto di divisione è lo strumento giuridico attraverso il quale si porta a cessazione lo stato di comunione esistente tra più soggetti, con l’attribuzione a ciascuno di essi della titolarità esclusiva su una parte determinata del bene o dei beni in comune, corrispondente per valore alla quota spettante nello stato di indivisione.
Ai fini dell’imposta di registro, la divisione, con la quale a un condividente sono assegnati beni per un valore complessivo eccedente quello a lui spettante sulla massa comune, è considerata (in coerenza con la previsione dell’articolo 728 del codice civile, per la quale l’ineguaglianza in natura delle quote si compensa con un equivalente in denaro) vendita, limitatamente alla parte eccedente.
Pertanto, qualora l’assegnazione divisionale dei beni superi (di una percentuale maggiore del 5%) i limiti di valore della quota di diritto spettante al condividente, l’eccedenza medesima costituisce una vendita di beni altrimenti spettanti agli altri condividenti, a prescindere dall’effettiva corresponsione del conguaglio e sono soggetti all’imposta con l’aliquota stabilita per i trasferimenti mobiliari fino a concorrenza del valore complessivo dei beni mobili e dei crediti compresi nella quota e con l’aliquota stabilita per i trasferimenti immobiliari per l’eccedenza.
In particolare, sono soggette a tassazione sulla base del valore catastale, e non del prezzo dichiarato in atto dalle parti, tutte le cessioni (aventi per oggetto immobili a uso abitativo e relative pertinenze) soggette a imposta di registro in cui l’acquirente persona fisica non agisca nell’esercizio di impresa, arte o professione.
Pertanto, con riferimento al quesito prospettato, si deve escludere l’applicazione del criterio “tabellare” alle divisioni senza conguaglio.
Viceversa, il criterio “tabellare” è applicabile soltanto al conguaglio divisionale.
Per applicare il predetto criterio di determinazione della base imponibile esclusivamente alla quota parte del complessivo valore dell’immobile la cui assegnazione dà causa al pagamento del conguaglio è preliminarmente necessario:
  • determinare la parte del conguaglio monetario pagato in corrispettivo del valore complessivo dell’immobile abitativo
  • calcolare il rapporto tra la quota parte del conguaglio come sopra determinato e il valore complessivo dell’immobile abitativo
  • applicare il rapporto di cui al precedente punto al valore catastale dell’immobile.

risponde
Antonina Giordano
 pubblicato Martedì 28 Dicembre 2010

I quesiti più cliccati

Io e mia moglie abbiamo acquistato una seconda casa sulla quale abbiamo eseguito lavori di ristrutturazione. Abbiamo diritto alla detrazione Irpef?
Ho acquistato casa da un’impresa costruttrice, sottoscrivendo un mutuo. Poiché il Comune non ha ancora concesso l’abitabilità, non ho potuto adibire l’appartamento, entro un anno dall’acquisto, ad abitazione principale. Perdo il diritto a detrarre gli interessi passivi?
L’installazione di un condizionatore a pompa di calore inverter dà diritto alla detrazione Irpef per recupero edilizio?
È possibile pagare gli importi dovuti a seguito di un accertamento con adesione utilizzando in compensazione crediti vantati verso la pubblica amministrazione?
Quali sanzioni sono previste per l’incompleta comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva?
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino