La Posta
Tassazione redditi prodotti in Inghilterra
alt default
Lo scorso anno ho lavorato in Inghilterra per meno di 180 giorni. Lo stipendio, senza alcuna ritenuta d'imposta, è stato accreditato sul c/c in Italia, tramite bonifico. Questo reddito dove verrà tassato?
Romano Giovannetti
La convenzione sulle doppie imposizioni firmata da Italia e Inghilterra prevede che le remunerazioni ricevute dal contribuente residente di uno Stato come corrispettivo di un’attività di lavoro dipendente svolta nell'altro Stato sono imponibili soltanto nel primo Stato qualora questi soggiorni nell'altro Stato durino meno di 183 giorni nel corso dell'anno fiscale (articolo 15, comma 2). In altri termini, un cittadino italiano che viva e lavori in Inghilterra per non più di 183 giorni all’anno dovrà essere assoggettato a tassazione nel nostro Paese. I redditi percepiti per l’attività di lavoro dipendente svolta in Inghilterra andranno indicati nella dichiarazione dei redditi da presentare in Italia.

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Mercoledì 6 Novembre 2013

I quesiti più cliccati

alt default
Le spese mediche sostenute per i figli come vanno suddivise? Se al 50% tra i genitori, va considerata per entrambi la franchigia di 129,11 euro?
alt default
Il coniuge superstite, cui spetta il diritto di abitazione della casa (che era di proprietà al 100% del marito defunto), può fruire delle rate residue del bonus ristrutturazioni?
alt default
Non ho inviato lo spesometro con i dati relativi all'anno 2013. Posso rimediare con il ravvedimento per non incorrere nella sanzione piena?
alt default
È al 4% l'Iva sull'acquisto di beni finiti per la costruzione di un'abitazione seconda casa, non di lusso, facente parte di una palazzina rientrante nei "fabbricati Tupini"?
alt default
Mio marito, militare, è stato trasferito in altra regione per motivi di lavoro. Possiamo continuare a detrarre gli interessi sul mutuo contratto per la nostra prima casa anche se l'immobile sarà locato?