La Posta
Tassazione redditi prodotti in Inghilterra
alt default
Lo scorso anno ho lavorato in Inghilterra per meno di 180 giorni. Lo stipendio, senza alcuna ritenuta d'imposta, è stato accreditato sul c/c in Italia, tramite bonifico. Questo reddito dove verrà tassato?
Romano Giovannetti
La convenzione sulle doppie imposizioni firmata da Italia e Inghilterra prevede che le remunerazioni ricevute dal contribuente residente di uno Stato come corrispettivo di un’attività di lavoro dipendente svolta nell'altro Stato sono imponibili soltanto nel primo Stato qualora questi soggiorni nell'altro Stato durino meno di 183 giorni nel corso dell'anno fiscale (articolo 15, comma 2). In altri termini, un cittadino italiano che viva e lavori in Inghilterra per non più di 183 giorni all’anno dovrà essere assoggettato a tassazione nel nostro Paese. I redditi percepiti per l’attività di lavoro dipendente svolta in Inghilterra andranno indicati nella dichiarazione dei redditi da presentare in Italia.

risponde
Gianfranco Mingione
 pubblicato Mercoledì 6 Novembre 2013

I quesiti più cliccati

Ho affittato parte della mia prima casa. Continuo però a mantenere lì residenza e domicilio. Perdo i benefici per la detrazione degli interessi del mutuo?
Ho ricevuto una somma di denaro da mio padre tramite assegno bancario. È comunque soggetta a imposizione fiscale (Irpef o altro) oppure dipende dall’importo?
Sono separato consensualmente con affido condiviso dei figli. Abitiamo comunque ancora tutti nello stesso appartamento. In che percentuale posso portarmi i figli a carico? La mia ex moglie non lavora.
A marzo dello scorso anno è deceduto mio marito. Qualche mese prima avevamo contratto un mutuo per l’acquisto della nostra prima casa. Posso portare in detrazione l’intero importo degli interessi?
La sospensione feriale dei termini processuali, dal 1° al 31 agosto, vale anche per la procedura di reclamo - mediazione tributaria?