Avviso ai litiganti

Così delimitato l'ambito delle ragioni adducibili dall'ufficio nell’eventuale successiva fase contenziosa, il contribuente può esercitare il diritto di difesa
La motivazione di un avviso di rettifica e di liquidazione è sufficiente che contenga l’enunciazione dei criteri astratti in base ai quali è stato determinato il maggior valore, in quanto il contribuente, conosciuto il criterio adottato, è già in condizione di contestare e documentare l’infondatezza della pretesa erariale e non sussiste la necessità di esplicitare gli elementi di fatto utilizzati. [...]
Spetta al contribuente dimostrare che i movimenti bancari ritenuti sospetti dall’ufficio sulla base delle sue dichiarazioni non sono rilevanti ai fini tributari
L’utilizzo dei dati acquisiti presso le aziende di credito come prove presuntive di maggiori ricavi o di operazioni imponibili non è subordinato alla prova che il contribuente eserciti attività d’impresa o di lavoro autonomo. Gli stessi dati possono essere impiegati sia per dimostrare l’esistenza di un’eventuale attività occulta (impresa, arte o professione) sia per quantificare il reddito da essa ricavato. [...]
In mancanza della richiesta di verifica del codice da parte del cedente, l’ufficio può procedere al recupero del tributo qualificando l’operazione come nazionale
Per le cessioni intracomunitarie è prevista la non applicazione dell’Iva a cessionari e committenti che hanno comunicato l’identificativo attribuito dallo Stato di appartenenza, a patto che il cedente abbia richiesto al ministero la verifica della validità di tale numero. In caso contrario, lo scambio si considera a carattere nazionale e l’ufficio procede al recupero dell’Iva. [...]
carrello della spesa
Legittima la pretesa dell’ufficio fiscale in mancanza di prove che giustificano uscite sproporzionate rispetto ai ricavi e all’attività dell’azienda
La responsabilità è trasferita ai soci secondo il regime pendente societate e non è limitata alle somme conferite con il bilancio finale di liquidazione
Sia se vengono irrogate unitamente all'avviso di accertamento sia nel caso in cui siano irrogate con un atto distinto e autonomo
Non è ammissibile, per difetto del presupposto della reciprocità, se debiti e crediti non confluiscono nella dichiarazione presentata dalla controllante
Costituisce parametro idoneo a esprimere il carattere “lussuoso” di un immobile l’“utilizzabilità” degli ambienti, a prescindere dalla loro effettiva abitabilità
Il legislatore, infatti, nella sua discrezionalità, può regolare il diritto del cittadino in funzione delle particolari caratteristiche del singolo procedimento
E' competenza delle Ct la decisione sulle pene pecuniarie irrogate in merito a un avviso di accertamento per trattenute fiscali non effettuate
Sconto fiscale sì, ma condizionato: occorre che la somma ricevuta venga realmente impiegata per lo svolgimento dell’attività istituzionale
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino