Avviso ai litiganti

La decadenza del regime di favore concesso per la registrazione preclude qualsiasi altro accertamento sulla base di altri presupposti normativi o di fatto
Ai fini dell’imposta di registro, la sottoposizione di un atto a una determinata tassazione agevolata, richiesta o comunque accettata dal contribuente, comporta, in caso di decadenza dal beneficio, l’impossibilità di invocare altra agevolazione, in quanto i poteri di accertamento e valutazione del tributo si esauriscono nel momento in cui l’atto viene sottoposto a tassazione e non possono rivivere. [...]
In caso di mancato rispetto dei termini di presentazione, è onere del contribuente dimostrare che il ritardo è imputabile alla condotta dell’amministrazione competente
L’intempestiva presentazione del certificato Ipa, attestante la qualifica di coltivatore diretto, determina la decadenza dal beneficio fiscale provvisoriamente riconosciuto, a meno che il contribuente non dimostri la circostanza che il ritardo nella presentazione del certificato sia conseguente alla condotta colpevole dell’amministrazione competente al rilascio del certificato stesso. [...]
La particolarità della fattispecie tributaria impone una restrittiva interpretazione dell’articolo 1224, comma 2, del codice civile, riguardo al calcolo degli interessi
In tema di obbligazioni pecuniarie costituite dai crediti di imposta, stante la speciale disciplina a proposito di interessi per ritardato rimborso di imposte pagate, il creditore non può limitarsi ad allegare la sua qualità di imprenditore e a dedurre il fenomeno inflattivo come fatto notorio, ma deve fornire indicazioni in ordine al danno subito per l’indisponibilità del denaro e offrirne prova rigorosa. [...]
Non si tratta di una variabile occasionale e il contribuente deve dimostrare le circostanze che possano giustificare in altri anni l’applicazione di valori diversi
Ai fini della qualificazione e del trattamento fiscale non rileva il fatto che non siano state vendute anche le relazioni finanziarie, commerciali e personali
Il vincolo è ordinario per i tributi comunitari e, in ogni caso, il contribuente deve enunciare concretamente le ragioni che avrebbe potuto far valere
Perché renderebbe risibile il contributo alle entrate erariali, in ragione dell’esiguità della somma recuperata dal Fisco, falcidiata dal duplice “vantaggio”
La violazione c’è a prescindere dalla circostanza che la maggiore imposta vada poi effettivamente riscossa oppure utilizzata per bilanciare crediti fiscali anteriori
Rilevante, ai fini dell’applicabilità del beneficio, è la superficie complessiva dell'immobile a prescindere dal requisito di abitabilità
L’eventuale buona fede sulla correttezza dei comportamenti rispetto alle regole dell’istituto è irrilevante e non idonea a impedire la decadenza della sanatoria
Occorre l’indicazione specifica della riferibilità di ogni versamento, per dimostrare come ciascuna delle operazioni sia estranea a fatti imponibili
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino