Avviso ai litiganti

Fino all’attivazione su tutto il territorio, la posta elettronica certificata era utilizzabile solo presso le Ct con contenzioso tributario telematico operativo
Non è idonea a far decorrere il termine breve per l’impugnazione, perché considerata inesistente e non suscettibile di sanatoria, la notifica della sentenza effettuata, a mezzo Pec, in data 5 dicembre 2014, dal difensore del contribuente all’Amministrazione finanziaria, perché avvenuta in data antecedente alla decorrenza della relativa disciplina riguardante il processo tributario telematico. [...]
Respinto il ricorso che non contiene gli elementi indicati specificatamente nella norma che introduce tale ipotesi di vizio denunciabile per cassazione
cestino per la carta
Per dimostrare il vizio di una pronuncia relativo al mancato esame di un fatto storico principale o secondario, decisivo per il giudizio, il ricorrente deve indicare: il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso; il “dato”, testuale o extratestuale, da cui il fatto risulti esistente; il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti; la sua “decisività”. [...]
Il Testo unico non prevede altri e diversi criteri che ricolleghino il concetto di metà per operazioni non svolte sul terreno, non alla quantità, ma al valore
In tema di imposte dirette, la manipolazione, trasformazione e alienazione di prodotti agricoli e zootecnici non svolte sul terreno, sono da considerarsi attività agricole se hanno per oggetto prodotti ottenuti per almeno la metà dal terreno e dagli animali allevati su di esso. Il riferimento alla “metà” non consente un’interpretazione diversa da quella riferibile al calcolo quantitativo, secondo l’unità di misura utilizzata per il prodotto in discussione. [...]
Si tratta solo della prima fase della procedura concorsuale, che non può ritenersi perfezionata fino all’approvazione ufficiale del piano complessivo
Questo non può essere mantenuto su tutto il profitto dell’evasione, ma ridotto in misura corrispondente ai ratei versati dal contribuente dopo l’accordo con il Fisco
In questo caso non è applicabile il criterio d’imputazione consistente nella presunzione che la spesa sia stata sostenuta con redditi conseguiti in più anni
Non ci sono scuse: l’avviso di avvenuto "scarto" della dichiarazione presentata consente al contribuente di porvi rimedio in tempo
Il “permesso” a guardare le movimentazioni, inoltre, non deve essere motivato in quanto non è qualificabile come provvedimento o atto impositivo
Si verrebbe a determinare un inutile dispendio di energia non giustificato dalla necessità di salvaguardare il rispetto del principio del contraddittorio
Nel processo tributario, l'ufficio può limitarsi a ribadire e riproporre le stesse argomentazioni poste a sostegno della legittimità dell’avviso di accertamento annullato
In quel tipo di strutture è insita la sussistenza dei parametri che configurano l’autonoma organizzazione: non è ammessa dimostrazione contraria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino