Bilancio e contabilità

Le quote di ammortamento relative ai beni in argomento, contabilizzate nel bilancio, sono fiscalmente deducili se gli stessi beni siano stati valutati con il criterio del costo
I motivi dell’irrilevanza fiscale delle valutazioni degli immobili qualificati dallo Ias 40 come beni d’investimento e delle svalutazioni effettuate ai sensi dello Ias 36. Inoltre, le condizioni affinché i beni in argomento siano ammortizzabili. Il tutto corroborato da esempi pratici di immobili contabilizzati sia al fair value che al costo. [...]
È lo stesso principio contabile a consigliare l’utilizzo del criterio del fair value. Quest'ultimo, infatti, impone di iscrivere a conto economico anche gli incrementi di valore
Oltre al criterio del costo, lo Ias 40 consente di valutare i beni da investimento utilizzando il  fair value, ossia prendendo a riferimento il corrispettivo al quale tali beni potrebbero essere scambiati in una libera transazione fra parti consapevoli e disponibili. In tale ipotesi, diventano superflui l’ammortamento e l’eventuale svalutazione. [...]
Per contabilizzare le spese sostenute in relazione all’acquisto di tali beni, inizialmente è obbligatorio adottare il criterio del costo, successivamente può entrare in gioco il fair value
Parallelismi e divergenze tra lo Ias 40, in esame, che disciplina il trattamento contabile degli investimenti immobiliari, ossia dei beni immobili acquisiti non per essere utilizzati direttamente dall’impresa, e lo Ias 16 che si occupa invece di immobili, impianti e macchinari adoperati nell’ambito dell’attività d’impresa. [...]
testo alternativo per immagine
Breve resoconto della riforma, ispirata alla migliore prassi operativa, degli strumenti che, seppure più volte richiamate in dottrina, non avevano finora riconoscimento legale
testo alternativo per immagine
Oneri pluriennali iscrivibili nell’attivo dello stato patrimoniale se vengono dimostrate l’utilità futura, la correlazione con i benefici per la società, la recuperabilità
tastiera
Riformulata la disciplina contenuta nell’Oic 29: le variazioni apportate sono destinate alle società che redigono i bilanci secondo le disposizioni del codice civile
testo alternativo per immagine
Focus sulla nuova versione dell’Oic 28 dedicata agli elementi che compongono il patrimonio netto, voce che esprime la capacità della società di soddisfare creditori e obbligazioni
testo alternativo per immagine
Completato il processo di informatizzazione strutturata dei dati finanziari delle aziende, che fa del nostro Paese uno dei migliori esempi per l’innovazione nel digital accounting
tastiera
Operazioni, attività e passività in valuta estera, ovvero effettuate dalla società ed espresse in una moneta diversa dall’euro: questi gli argomenti che ritroviamo nell’Oic 26
testo alternativo per immagine
Ampio spazio alle operazioni straordinarie. Inoltre, inserito un capitolo specifico sulla fiscalità differita, in caso di partecipazioni in società controllate e in joint venture
testo alternativo per immagine
L’Oic 23 definisce i criteri per la rilevazione, la classificazione e la valutazione dei lavori in corso su ordinazione e le informazioni da presentare nella nota integrativa
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino