Bilancio e contabilità

Un approfondimento sul trattamento tributario applicabile alle spese relative a iniziative che nascono, si sviluppano e crescono all'interno dell'azienda, come quelle di ricerca
Dal punto di vista fiscale, le regole di determinazione del reddito d'impresa prevedono delle specifiche disposizioni, finalizzate a coordinare la rappresentazione contabile stabilita dallo Ias 38 con i tradizionali criteri fissati nel Testo unico delle imposte sui redditi. Le andiamo ad analizzare In questo e nel prossimo intervento. [...]
Qualunque sia stato il criterio di valutazione adottato, quello del costo o del fair value, la "voce" deve essere eliminata dalla contabilità al momento della sua dismissione
immagine raffigurante un uomo che ha un'idea
Lo Ias 38 stabilisce che sono ammortizzabili solo le attività immateriali a vita utile definita, vale a dire quelle per le quali esiste un limite prevedibile all'esercizio fino al quale si presume che l'attività generi flussi finanziari netti in entrata. Ma per quelle a vita utile indefinita è l'impairment test che ne riduce il valore. [...]
Come contabilizzare i costi sostenuti per l'idea, la progettazione, e poi quelli per i materiali, i prodotti, i sistemi e i processi. Le cose cambiano a seconda della fase
immagine raffigurante un uomo che ha un'idea
La rilevazione iniziale delle attività immateriali prodotte dall'impresa attraverso la ricerca richiede di verificare se il costo sostenuto riguarda la fase di ricerca o quella di sviluppo. Nella prima non è possibile dimostrare cosa succederà in termini di benefici economici, nella seconda sì. Nell'intervento di oggi la corretta iscrizione in bilancio. [...]
immagine raffigurante un uomo che ha un'idea
Brevetti, marchi, licenze, spese di ricerca e sviluppo, ma possono anche essere contenute in oggetti di consistenza fisica, come i software per computer staccati dall’hardware
Le quote di ammortamento relative ai beni in argomento, contabilizzate nel bilancio, sono fiscalmente deducili se gli stessi beni siano stati valutati con il criterio del costo
È lo stesso principio contabile a consigliare l’utilizzo del criterio del fair value. Quest'ultimo, infatti, impone di iscrivere a conto economico anche gli incrementi di valore
Per contabilizzare le spese sostenute in relazione all’acquisto di tali beni, inizialmente è obbligatorio adottare il criterio del costo, successivamente può entrare in gioco il fair value
testo alternativo per immagine
Breve resoconto della riforma, ispirata alla migliore prassi operativa, degli strumenti che, seppure più volte richiamate in dottrina, non avevano finora riconoscimento legale
testo alternativo per immagine
Oneri pluriennali iscrivibili nell’attivo dello stato patrimoniale se vengono dimostrate l’utilità futura, la correlazione con i benefici per la società, la recuperabilità
tastiera
Riformulata la disciplina contenuta nell’Oic 29: le variazioni apportate sono destinate alle società che redigono i bilanci secondo le disposizioni del codice civile
testo alternativo per immagine
Focus sulla nuova versione dell’Oic 28 dedicata agli elementi che compongono il patrimonio netto, voce che esprime la capacità della società di soddisfare creditori e obbligazioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino