Giurisprudenza

mani aperte
I giudici di legittimità, così come affermato in altre occasioni, hanno dato prevalenza all’aspetto fattuale concreto piuttosto che a quello formale della carica soggettiva
Può essere equiparato all’amministratore “di fatto” e, quindi, rispondere del reato di omessa dichiarazione assieme al titolare dell’impresa, l’institore in possesso di una procura “amplissima” che, in sostanza, gli concede tutti i poteri dell’imprenditore. Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza n. 3890 del 27 gennaio 2017. [...]
La controversia esaminata dalla Corte Ue verte sull’interpretazione dell’articolo 64 del Trattato sul funzionamento dell’Ue e coinvolge un contribuente titolare di un conto corrente estero
corte ue
L’articolo 64, paragrafo 1, TFUE, deve essere interpretato nel senso positivo di applicazione a una normativa nazionale che impone una restrizione ai movimenti di capitali quale il termine di rettifica fiscale prolungato anche a una operazione di investimenti indiretti, la prestazione di servizi o l’ammissione di valori mobiliari sui mercati. [...]
L'eventuale errore qualificatorio dell'ufficio non rileva come violazione di legge, l'importante è la sostanza, cioè la presenza di elementi che determinano un maggiore imponibile
immagine di due mezze mele di colore differente
In tema di reddito d'impresa, è legittima la rettifica con metodo analitico, anche in presenza di gravi irregolarità contabili che avrebbero consentito il ricorso all'accertamento induttivo: la scelta tra un metodo o l'altro non è, invero, significativa ove non mutino i presupposti di fatto su cui poggiano le due valutazioni (Cassazione, 2473/2017). [...]
corte ue
La controversia, giunta a sentenza, verte sull’interpretazione dell’articolo 13 della sesta direttiva con riferimento alla concessione di diritti d’ammissione a proiezioni di film
Nonostante l’obbligo di risultato chiaro e incondizionato previsto dal Tfue, non è ancora analiticamente tracciato il percorso che il giudice penale deve seguire per conseguire lo scopo
Il legislatore e le sezioni unite della Cassazione intervengono in tempi ravvicinati sulla riducibilità dell’imposta prevista dall’ex articolo 182-ter della legge fallimentare
corte ue
È l’interrogativo a cui hanno risposto gli eurogiudici in una controversia tra un cittadino olandese e l'Amministrazione finanziaria per il diniego della deducibilità dei redditi negativi
La diretta connessione delle due imposte faceva sì che la preferenza di rateizzare una plusvalenza, espressa ai fini della prima, assumesse rilievo anche ai fini della seconda
Con la dichiarazione unica, ciascun coniuge accetta i rischi inerenti la possibilità di recapito degli atti solo all’altro e le conseguenze proprie delle obbligazioni solidali
Spetta al giudice accertare e valutare i fatti indice che, però, vanno indicati dagli interessati, cioè dai trasgressori prima o dall’ufficio in caso di soccombenza in giudizio
Il rilascio del titolo di credito rappresenta, quindi, indipendentemente dal fatto che avvenga pro soluto o pro solvendo, il momento rilevante ai fini dell’imposizione Iva
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino