Giurisprudenza

immagine di una macchina fotografica
È consentito l'ingresso nell'accertamento fiscale, prima, e nel processo tributario, poi, di elementi comunque acquisiti, anche di prove atipiche, se trovano riscontro in dati oggettivi
Le dichiarazioni dei clienti raccolte dalla Guardia di finanza, ove suffragate da prove documentali (quali fotocopie, matrici o numeri di assegni), legittimano, da parte del Fisco, una ricostruzione analitico-induttiva dei redditi non dichiarati dal professionista. Questo il principio di diritto affermato dalla Cassazione con la sentenza 17810/2016. [...]
La porzione di immobile che il contribuente ha ceduto in affitto a terzi non è esente da imposizione e deve essere tassata secondo un criterio proporzionale riferito ai dati catastali
La plusvalenza derivante dalla rivendita dell’immobile entro il quinquennio è imponibile, per la parte data in locazione, anche se una porzione della stessa unità è stata adibita ad abitazione principale. È la conclusione della sentenza 37169/2016, con cui la Corte di cassazione ha condannato il ricorrente per dichiarazione infedele. [...]
In virtù del principio solidaristico, è legittima la misura cautelare funzionale alla confisca eseguita per l’importo totale del profitto nei confronti di un partecipante al delitto
Nel caso di concorso di più persone in un reato tributario, il sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente può colpire ciascun concorrente anche per l’intera entità del profitto accertato. Lo afferma la Cassazione (sentenza 35527/2016) che, nel rigettare il ricorso degli imputati, aderisce all’orientamento di legittimità prevalente. [...]
Non basta una motivazione generica della sentenza, basata sul fatto che gli elementi “non appaiono, in modo univoco, sintomatici e indicativi di autonoma organizzazione”
foglie di tabacco
La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull’interpretazione dell’articolo 15, paragrafo 1, della direttiva 2011/64/Ue del Consiglio in materia di accisa applicata ai prodotti lavorati
libera circolazione in europa
Al centro della controversia approdata dinanzi agli eurogiudici le disposizioni dell’accordo sulla libera circolazione delle persone per la parità di trattamento dei lavoratori dipendenti
È consentito chiedere il rimborso del tributo indebitamente versato, ma non quando il pagamento sia stato preceduto da un provvedimento impositivo non contestato dal contribuente
A “smontare” i presupposti dell’imposta sono un’attività svolta soltanto con gli strumenti indispensabili e un collaboratore che svolga semplici funzioni di segreteria o simili
immagine di una matrioska con figure di uomini d'affari
Quel che rileva ai fini dello scomputo dell'imposta pagata è che i costi sostenuti siano elementi costitutivi del prezzo del servizio fornito dal soggetto passivo
corte ue_sede
La Corte di giustizia chiamata a dirimere una controversia che vede protagonisti un ente locale, una azienda priva di personalità giuridica e l’Amministrazione fiscale tedesca
Le condizioni di salute del ricorrente, benché non buone, non erano tali da privarlo della necessaria capacità mentale per svolgere la funzione di amministratore di un’impresa
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino