Normativa e prassi

Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
È stata pubblicata oggi la circolare 33/E con cui l’Agenzia delle Entrate chiarisce l’ambito di applicazione della disciplina dei rimborsi Iva alla luce delle novità apportate dal Dlgs 156/2015, che ha riformulato l’istituto dell’interpello, e dal Dlgs 158/215, che ha revisionato il sistema sanzionatorio per le violazioni tributarie. [...]
Dalle modalità di esercizio dell’opzione al calcolo del versamento annuo, anche nelle ipotesi di partecipazione al consolidato nazionale o di operazioni straordinarie
I chiarimenti sulla disciplina che consente alle imprese di continuare ad avvalersi della trasformazione in credito d’imposta delle Deferred tax asset iscritte in bilancio, tramite un’opzione irrevocabile da esercitarsi con il pagamento del canone. Le novità nella circolare n. 32/2016, in un provvedimento e nella risoluzione n. 60/2016.
  [...]
Pubblicato il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, mediante delega di pagamento, dell’incentivo riconosciuto alle imprese del settore per la formazione professionale
6862” è la cifra da indicare sul modello F24 per la fruizione del beneficio fiscale, nei limiti, termini e condizioni previsti dal comma 2 dell’articolo 32-bis, Dl 133/2014, dopo la comunicazione da parte del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti degli elenchi dei beneficiari all’Agenzia delle Entrate (risoluzione 59/2016). [...]
Dopo la competenza sul controllo e recupero dei crediti Iva in compensazione, riconosciuta anche la possibilità di emettere gli atti di contestazione e di irrogazione delle sanzioni
cartina
Realizzato dall’Istat e dalle Entrate si basa sui dati delle mappe e degli indirizzari rilevati a livello comunale nel corso del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni
Il beneficio tributario non prevede “contrasti” con ulteriori trattamenti di vantaggio disciplinati da altre autorità, quindi, semmai, gli ostacoli arrivano da quest’ultime
Deve essere indicata, si legge nel documento di prassi che l’ha creata, nella sezione “Inps”, in corrispondenza, esclusivamente, della colonna “importi a debito versati”
La modalità è operativa da domani, tuttavia, ancora validi, fino al 31 luglio, i pagamenti effettuati con il modello F23 utilizzando i codici tributo previsti gli atti privati
Il bonus è riconosciuto all’impresa utilizzatrice anche per le spese relative al “personale altamente qualificato” che presta la sua opera con contratto di somministrazione di lavoro
Il debutto a partire dal 1° settembre. Con successiva risoluzione, l’Agenzia delle Entrate istituirà gli appositi codici, con le istruzioni per la compilazione della delega di pagamento
L’applicazione di un regime fiscale in luogo di un altro (agrario, forfetario o ordinario) ancorata alla quantità di calore e/o elettricità in totale forniti e al rispetto del principio di prevalenza