Assegnazione di beni ai soci – Versamento imposta sostitutiva
Le società (Snc, Sas, Srl, Spa e Sapa) che entro il 30 settembre 2016 hanno assegnato o ceduto beni immobili diversi da quelli strumentali per destinazione o beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa e che si avvalgono del regime fiscale agevolato introdotto dalla Stabilità 2016, devono versare il  restante 40% dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap.
Le stesse società che hanno per oggetto esclusivo o principale la gestione di beni immobili – diversi da quelli strumentali – o beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa e che entro il 30 settembre 2016 si sono trasformate in società semplici, devono versare il restante  40% dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap.

La sostitutiva è dovuta nella misura dell’8% ovvero del 10,5%, per le società considerate non operative in almeno due dei tre periodi d’imposta precedenti a quello in corso al momento dell’assegnazione, cessione o trasformazione. Invece le riserve in sospensione d’imposta annullate per effetto dell’assegnazione dei beni ai soci e quelle delle società trasformate sono assoggettate a imposta sostitutiva nella misura del 13%.
Il versamento va effettuato tramite modello F24 con modalità telematiche direttamente (utilizzando i servizi "F24 web" o "F24 online" dell'Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure attraverso l'home banking del proprio istituto di credito) oppure tramite intermediario abilitato, indicando i seguenti codici tributo:
  • 1836    imposta sostitutiva per l’assegnazione, cessione dei beni ai soci o società trasformate – articolo 1, comma 116, legge 208/2015
  • 1837   imposta sostitutiva sulle riserve in sospensione d’imposta annullate per effetto dell’assegnazione dei beni ai soci o società trasformate – articolo 1, comma 116, legge 208/2015.
Coloro che al 31 ottobre 2015 rivestivano la qualifica di “imprenditore individuale” e l'hanno conservata fino al 1° gennaio 2016, che possedevano beni immobili strumentali e che entro il 31 maggio 2016 hanno optato per l’esclusione dei beni stessi dal patrimonio dell’impresa con effetto dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016, devono versare il restante 40% dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap, calcolata nella misura dell’8% della differenza tra il valore normale di tali beni e il relativo valore fiscalmente riconosciuto. Nell’F24 va inserito il codice tributo:
  • 1127    imposta sostitutiva per l’estromissione dei beni immobili strumentali dell’impresa individuale – articolo 1, comma 121, legge 208/2015.
Data scadenza: 
Venerdì 16 Giugno 2017
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino