Contribuenti "non telematici" - Adempimenti
carta e pennaI contribuenti non tenuti alla presentazione telematica della dichiarazione dei redditi consegnano presso un ufficio postale il modello cartaceo Redditi Persone Fisiche 2017 e la scheda con la scelta per la destinazione dell'otto, del cinque e del due per mille dell'Irpef.
I contribuenti non obbligati all'invio telematico della dichiarazione dei redditi possono regolarizzare i versamenti di imposte e ritenute non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 16 giugno 2016 non effettuati o effettuati in misura insufficiente, con maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un ottavo del minimo (ravvedimento annuale). Il versamento va effettuato utilizzando il modello F24 con modalità telematiche, direttamente oppure tramite intermediario abilitato. I non titolari di partita Iva possono versare anche con modello cartaceo presso banche, Poste italiane e agenti della riscossione, purché non utilizzino crediti in compensazione. Questi i codici tributo da indicare:
  • 8901    sanzione pecuniaria Irpef
  • 1989    interessi sul ravvedimento - Irpef
  • 8902    sanzione pecuniaria addizionale regionale all'Irpef
  • 1994    interessi sul ravvedimento - Addizionale regionale all'Irpef
  • 8926    sanzione addizionale comunale all'Irpef
  • 1998    interessi sul ravvedimento - Addizionale comunale all'Irpef.

Gli eredi delle persone decedute nel 2016 o entro il 28 febbraio 2017 devono provvedere alla presentazione, in formato cartaceo presso gli uffici postali, della dichiarazione dei redditi del contribuente deceduto e della scheda con la scelta dell'otto, del cinque e del due per mille.
Data scadenza: 
Venerdì 30 Giugno 2017
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino