Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dalla Gazzetta

Farmaci orfani, incentivi alla ricerca

farmaci

Apre la Gazzetta Ufficiale n. 282, serie generale, di venerdì 26 novembre, la legge n. 171 del 25 novembre 2021 di conversione del Dl n. 130, il decreto “bollette”, contenente le misure urgenti per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale. Il provvedimento, tra l’‘altro, prevede la riduzione al 5% delle aliquote Iva sulla somministrazione del metano utilizzato per combustione a usi civili e industriali, in relazione ai consumi stimati o effettivi dei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2021. Disponibile anche il testo coordinato.
Pubblicato, inoltre, il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 18 novembre 2021 che dispone il trasferimento della sede dell’area servizi di pubblicità immobiliare di Salò e Breno all’Ufficio provinciale di Brescia – Territorio, rispettivamente dal 29 novembre e dal 13 dicembre 2021. Nessuna modifica alla circoscrizione territoriale riguardante i due comuni.

Spostandoci al giorno successivo, sulla Gazzetta Ufficiale n. 283, serie generale, di sabato 27 novembre, troviamo la legge n. 175 del 10 novembre 2021, contenente disposizioni per la cura delle malattie rare e per il sostengno della ricerca e della produzione dei farmaci orfani. Tra le misure di sostegno sono previste incentivi fiscali.
In particolare, ai soggetti pubblici e privati che effettuano attività di ricerca in tale campo spetta, dal 2022, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, un credito d’imposta pari al 65% dei costi sostenuti per l’avvio e la realizzazione di progetti di ricerca, fino a 200mila euro annui per ciascun beneficiario, nel limite massimo di spesa complessiva di 10 milioni di euro. Per il riconoscimento del bonus è necessario inviare, entro il 31 marzo di ogni anno, al ministero della Salute, i protocolli relativi all’attività di ricerca svolta. Un decreto del ministro della Salute, di concerto con i ministri dell’Università e dell’Economia definirà le modalità attuative dell’agevolazione.
Il credito d’imposta va indicato nella dichiarazione dei redditi cui si riferisce ma non concorre alla formazione dell’imponibile ai fini delle imposte dirette e dell’Irap.
Il contributo è utilizzabili dal 1° gennaio del periodo d’imposta successivo a quello in cui sono state effettuate le spese tramite F24 presentato esclusivamente attraverso servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.

URL: https://www.fiscooggi.it/dalla-gazzetta/farmaci-orfani-incentivi-alla-ricerca