Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Le guide dell'Agenzia

Bonus mobili ed elettrodomestici (settembre 2013)

In poche pagine, il contribuente, che affronta lavori di ristrutturazione edilizia, trova risposta a numerose domande: quando e come si ottiene il bonus, per quali acquisti, l’ammontare della detrazione e il periodo di ripartizione, l’effettuazione dei pagamenti, i documenti da conservare. La guida elenca le opere ammesse al bonus e le tipologie di mobili ed elettrodomestici agevolabili.

Thumbnail
In poche pagine, il contribuente, che affronta lavori di ristrutturazione edilizia, può trovare risposta a numerose domande: quando e come si ottiene il bonus, per quali acquisti, l’ammontare della detrazione e il periodo di ripartizione della stessa, le modalità di effettuazione dei pagamenti e quali sono i documenti da conservare. Da subito, la mini guida mette in chiaro il presupposto principale per richiedere l’agevolazione fiscale: la realizzazione, nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2013, di un intervento di ristrutturazione edilizia sia che questo avvenga su singole unità immobiliari sia su parti comuni di edifici residenziali. Quindi, l’opuscolo elenca esattamente tutti le opere per le quali è ammesso il bonus. Passando in rassegna le tipologie di mobili e di elettrodomestici agevolabili, l’opuscolo evidenzia come tali beni devono essere nuovi e destinati ad arredare l’immobile che si ristruttura. Richiama, poi, l’attenzione su altre due condizioni fondamentali:
  1. le spese per l’acquisto dei beni devono essere sostenute tra il 6 giugno e il 31 dicembre 2013
  2. la data di inizio dei lavori di ristrutturazione deve sempre precedere quella in cui si comprano i beni.
Pagamenti e documenti
Con riferimento alle modalità di pagamento, recentemente l’Agenzia delle Entrate ha indicato - circolare n. 29 del 18 settembre 2013 - quelli accettati:
  • i versamenti mediante bonifici bancari e postali, in cui va indicata la stessa causale attualmente utilizzata per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione edilizia, oltre al codice fiscale di chi esegue il pagamento e la partita Iva del soggetto destinatario della somma
  • i pagamenti con carte di credito o carte di debito.
Non sono ammesse altre forme di pagamento (assegno bancario, contanti).
La guida chiude ricordando i documenti che occorre conservare ed esibire, su richiesta, all’ufficio che verificherà la sussistenza delle condizioni indispensabili per usufruire dell’incentivo fiscale. Si tratta, in particolare, delle ricevute dei bonifici, della documentazione di addebito sul conto corrente, delle ricevute di avvenuta transazione, quando si paga con carta di credito o di debito, delle fatture di acquisto dei beni, che devono riportare la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.
URL: https://www.fiscooggi.it/guideagenzia/bonus-mobili-ed-elettrodomestici-settembre-2013