Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Le guide dell'Agenzia

Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali (giugno 2017)

Nuovo restyling per il vademecum sui bonus fiscali previsti in caso di ristrutturazione edilizia. A innescare l’update, naturalmente, le modifiche normative e, in particolare, le conseguenti precisazioni dell’Agenzia. Tra le novità, le regole per la cessione del credito relativo alla detrazione delle spese sostenute per interventi condominiali antisismici.

Thumbnail
Nuovo restyling per il vademecum sui bonus fiscali previsti in caso di ristrutturazione edilizia. A innescare l’update, naturalmente, le modifiche normative e, in particolare, le conseguenti precisazioni dell’Agenzia.
Tra le altre novità, oltre alla proroga della maggiore detrazione Irpef per i lavori di recupero e anche per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, le regole per la cessione del credito relativo alla detrazione (del 75 o dell’85%, a seconda dei risultati conseguiti in termini di riduzione del rischio sismico) delle spese sostenute per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche e all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica effettuate sulle parti comuni di edifici, dettagliate nel provvedimento dell’8 giugno scorso.
 
Recepiti anche i chiarimenti arrivati in tema di detrazioni “connesse”, come quelle per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici: ad esempio, le modalità di calcolo del tetto massimo di 10mila euro, da determinare considerando le spese sostenute nel corso dell’intero arco temporale che va dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016, anche nel caso di successivi e distinti interventi edilizi che abbiano interessato la stessa unità immobiliare.
 
E, ancora, a proposito di quanto affermato con la risoluzione 64/2016 che, a seguito dell’entrata in vigore della legge 76/2016 sulla regolamentazione delle unioni civili e sulla disciplina delle convivenze, ha riconosciuto la possibilità di fruire del bonus ristrutturazioni per le spese sostenute dal “convivente di fatto” anche se non possessore o non detentore dell’immobile sul quale sono effettuati i lavori (come previsto per i familiari conviventi), la precisazione che tale orientamento vale per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016: una interpretazione supportata dal principio dell’unitarietà del periodo d’imposta (circolare 8/E del 7 aprile 2017).
URL: https://www.fiscooggi.it/guideagenzia/ristrutturazioni-edilizie-agevolazioni-fiscali-giugno-2017