Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

In Parlamento

Cura Italia mercoledì in Aula al Senato

immagine del Senato illuminato di verde, bianco e rosso

Camera
L’Assemblea di Montecitorio ha approvato la scorsa settimana il disegno di legge di conversione del decreto n. 3 del 5 febbraio scorso, con le disposizioni per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente (C. 2423). Il testo definitivo ha mantenuto le indicazioni del decreto e introduce da luglio, al posto del “bonus 80 euro”, un importo di 100 a titolo di trattamento integrativo, che non concorre alla formazione del reddito, per chi percepisce fino a 28mila euro e una ulteriore detrazione per chi dichiara redditi compresi tra i 28 e i 40mila euro (100 euro fino a 35mila, a scalare fino a scomparire passata la soglia dei 40mila). 
Per questa settimana il programma dell’Aula prevede le convocazioni di:

  • mercoledì alle 15, per lo svolgimento del question time, le interrogazioni a risposta immediata con la consueta diretta tv sulle reti della Rai e sulla web-tv della Camera
  • giovedì alle 14, quando avranno luogo le interpellanze urgenti.

Anche per le Commissioni il calendario dei lavori è limitato. Nel programma della VI Finanze, per esempio, troviamo in programma solo la convocazione di mercoledì alle 14, per l’ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei gruppi (in videoconferenza). 

Non sono presenti in calendario convocazioni per la V Bilancio o per le Commissioni bicamerali, con sede a palazzo San Macuto, che di solito si occupano anche di materia tributaria.

Senato
L’Aula di palazzo Madama è convocata mercoledì mattina per la discussione del disegno di legge di conversione del decreto n. 18  del 17 marzo, che introduce le misure per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale e il sostegno economico per le famiglie, i lavoratori e le imprese nell’ambito dell’emergenza epidemiologica (A.S. n. 1766). 
Nel provvedimento, meglio noto come decreto “Cura Italia”, troviamo tra l’altro:

  • l’istituzione del credito d’imposta per i mancati introiti causati dall’allarme virus e per le eventuali spese di sanificazione
  • la possibilità di fruire di una detrazione (o deduzione per i titolari di redditi d’impresa) per le erogazioni liberali, in denaro o in natura, elargite nel corso del 2020 a sostegno dell’emergenza epidemiologica in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro.

Ricordiamo, infine, che il Cura Italia ha sospeso anche, fino al 31 maggio, i termini relativi alle attività di liquidazione, di controllo, di accertamento, di riscossione e di contenzioso (per una panoramica più esaustiva sul testo vedi articolo: "Covid-19: il Dl “Cura Italia è Ufficiale a tutti gli effetti").

Da oggi pomeriggio è convocata, anche in seduta notturna e fino a mercoledì mattina, la 5ª Bilancio per la prosecuzione dell’esame in sede referente della conversione del Cura Italia, iniziato il 24 marzo.
La Commissione esaminerà il testo e gli emendamenti per la relazione in Aula, ai fini della discussione preliminare programmata per mercoledì. 

URL: https://www.fiscooggi.it/in-parlamento/cura-italia-mercoledi-aula-al-senato

Progetti di legge approvati non promulgati o pubblicati

Non ci sono provvedimenti approvati dal Parlamento, relativi alla materia tributaria, in attesa di pubblicazione.

Decreti legge in corso di conversione

Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18
"Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19"
Pubblicazione: G.U. n. 70 del 17 marzo 2020