Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

La posta di FiscoOggi

immagine generica illustrativa

Detrazione abbonamento trasporto pubblico

Vorrei sapere se per la detrazione per l’abbonamento al trasporto pubblico si può inserire due volte lo stesso codice in quanto riferito a due figli a carico.

Cristina R.
risponde Paolo Calderone

La detrazione per l’abbonamento al trasporto pubblico spetta su un importo complessivamente non superiore a 250 euro (art. 15, comma 1, lett. i-decies, del Tuir). Questo limite massimo di spesa deve intendersi riferito cumulativamente alle spese sostenute dal contribuente per l’abbonamento proprio e dei familiari a carico.
Pertanto, nel caso di due figli a carico si può compilare un unico rigo, riportando in esso il codice “40”, per indicare le spese sostenute per entrambi i figli (fino a un massimo di 250 euro).
Si ricorda, infine, che l’importo di 250 euro costituisce anche il limite massimo di spesa ammesso alla detrazione per ogni singolo abbonato. Quindi, anche se il costo dell’abbonamento è suddiviso tra due contribuenti (come nel caso dei genitori che sostengono, per esempio, la spesa di 300 euro per l’abbonamento del figlio a carico), l’ammontare massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione, da ripartire tra i due, non può comunque superare 250 euro.

URL: https://www.fiscooggi.it/posta/detrazione-abbonamento-trasporto-pubblico

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento

Utilizziamo anche servizi di analytics, per fare opt-out clicca su ulteriori informazioni