Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

La posta di FiscoOggi

Thumbnail

Detrazione per studio della musica

Per richiedere la detrazione per la scuola di musica dei figli si richiede un limite di reddito complessivo di 36.000 euro. Questo importo è riferito al reddito Isee familiare o imponibile Irpef? Quale tipo di riconoscimento deve avere la scuola di musica frequentata?

Salvatore D.
risponde Paolo Calderone

Per favorire lo studio e la pratica della musica dei ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni, dal 1° gennaio 2021 è prevista una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento a determinate scuole di musica.
L’agevolazione è stata introdotta dalla legge n. 160/2019 (art. 1, comma 346), che ha inserito nel primo comma dell’articolo 15 del Tuir la lettera e-quater. Spetta ai contribuenti in possesso di un reddito complessivo non superiore a 36.000 euro e va calcolata su un importo non superiore a 1.000 euro per ogni ragazzo. La norma non fa riferimento al reddito familiare Isee ma al reddito complessivo ai fini della determinazione dell’Irpef.
Le scuole per lo studio e la pratica della musica che i ragazzi devono frequentare per usufruire del beneficio fiscale sono:

  • i conservatori di musica
  • le istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) legalmente riconosciute, ai sensi della legge n. 508/1999
  • le scuole di musica iscritte nei registri regionali
  • cori, bande e scuole di musica riconosciuti da una pubblica amministrazione.

Si ricorda, infine, che per richiedere la detrazione occorre effettuare il pagamento con versamento postale o bancario, carte di debito, di credito, prepagate, o altri sistemi tracciabili.

URL: https://www.fiscooggi.it/posta/detrazione-studio-della-musica

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento

Utilizziamo anche servizi di analytics, per fare opt-out clicca su ulteriori informazioni