Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

La posta di FiscoOggi

Thumbnail

Dichiarazione dei redditi “tardiva”

Mi trovavo all’estero per lavoro e non ho potuto fare la dichiarazione dei redditi nei tempi previsti. Posso ancora fare qualcosa?

Tommy
risponde Paolo Calderone

Il modello Redditi Persone fisiche 2021 (per il periodo d’imposta 2020) andava presentato per via telematica entro il 30 novembre 2021. Gli eventuali versamenti risultanti dalla dichiarazione, compresi quelli relativi al primo acconto, dovevano essere effettuati entro il 30 giugno 2021 (o entro il 30 luglio 2021 con la maggiorazione dello 0,40%).
Chi non ha ancora inviato la dichiarazione può farlo entro il prossimo 28 febbraio 2022, evitando che la stessa sia considerata omessa e usufruendo della riduzione della sanzione. Sono considerate valide, infatti, le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza del termine ordinario (articolo 2 del Dpr 322/1998). Per la presentazione “tardiva” occorre versare la sanzione ridotta di 25 euro, pari a un decimo del minimo (250 euro) della sanzione prevista nei casi di omissione della dichiarazione.
Inoltre, se dalla dichiarazione dovessero risultare imposte a debito non versate, è possibile regolarizzare anche tale violazione, versando i tributi dovuti, gli interessi legali (calcolati dal giorno dell’originaria scadenza) e le sanzioni ridotte nella misura indicata dall’articolo 13 del decreto legislativo n. 472/1997, diversa a seconda del momento in cui si effettua il pagamento.

URL: https://www.fiscooggi.it/posta/dichiarazione-dei-redditi-tardiva-0

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento

Utilizziamo anche servizi di analytics, per fare opt-out clicca su ulteriori informazioni