Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

La posta di FiscoOggi

spese universitarie

Spese di istruzione universitaria

Nel 2020 ho pagato le tasse di una università privata relative a 2 anni accademici. Posso detrarre, nel limite del massimale previsto per ciascun anno accademico, entrambe le annualità? Ossia, raddoppiare l’importo di euro 2.800 previsto per le facoltà umanistiche nel nord Italia?
 

Luis P.
risponde Paolo Calderone

L’articolo 15 del Tuir (comma 1, lett. e) riconosce la detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per la frequenza di corsi di laurea presso università statali e non statali, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, tenuti presso università o istituti universitari pubblici o privati, italiani o stranieri. Tale detrazione va calcolata sull’intera spesa sostenuta se l’università è statale, o sull’importo massimo annualmente stabilito per ciascuna facoltà con decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca se si è iscritti a un’università non statale.
Per l’anno 2020 l’importo massimo detraibile della spesa relativa alle tasse e ai contributi di iscrizione per la frequenza dei corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico delle università non statali è stato individuato con il decreto del Miur del 30 dicembre 2020.
Le spese sostenute nel periodo d’imposta possono riferirsi anche a più anni o a iscrizione fuori corso, ma non possono comunque essere superiori al limite previsto dal citato decreto.

URL: https://www.fiscooggi.it/posta/spese-istruzione-universitaria-1

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento

Utilizziamo anche servizi di analytics, per fare opt-out clicca su ulteriori informazioni