Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Analisi e commenti

Principi contabili nazionali:
gli interventi di rinnovamento – 11

Oic 12 è dedicato alla composizione e schemi del bilancio d’esercizio, integrando anche il documento interpretativo 1: classificazione dei costi e ricavi nel conto economico

Thumbnail
Nell’appuntamento odierno ci occupiamo del principio contabile Oic 12 dedicato alla “composizione e schemi del bilancio d’esercizio”.
Con l’intervento di aggiornamento, l’Oic 12 ha subito un importante provvedimento di “riordino”, a seguito del quale, la tematica relativa al “rendiconto finanziario” è stata espunta per essere trattata esclusivamente da un nuovo principio contabile, appositamente emanato, ossia l’Oic 10.
Dall’Oic 12 vengono eliminate anche alcune appendici contenute nella precedente versione in quanto ritenute non più attuali o inserite in altri principi contabili. In particolare, vengono eliminate le appendici riguardanti l’analisi dei movimenti delle poste del patrimonio netto e quella relativa all’informativa per area geografica.
 
Il principio contabile Oic 12, così aggiornato, esamina la “composizione e schemi di bilancio di esercizio” e integra anche il documento interpretativo 1 del precedente Oic 12 “Classificazione dei costi e ricavi nel conto economico”.
Giova ricordare che il documento “Interpretativo n. 1 fu redatto nel 1998 al fine di rispondere all’esigenza di determinare la base imponibile dell’Irap (Dlgs 446/1997). Tenuto conto della sua diretta rilevanza ai fini fiscali, il documento era stato inserito dal Ministero delle finanze in allegato alle istruzioni della prima dichiarazione Irap. Il documento nacque, pertanto, con una propria autonomia rispetto ai principi contabili. Negli anni successivi la disciplina Irap ha subito una serie di modificazioni normative, che hanno reso tale disciplina più autonoma rispetto all’Interpretativo. L’Interpretativo non è stato più allegato alla dichiarazione. La disciplina attuale (articolo 5, comma 5) richiama i principi contabili ai fini della determinazione della base imponibile Irap, prevedendo che “i componenti positivi e negativi del valore della produzione sono accertati secondo criteri di corretta qualificazione, imputazione temporale e classificazione previsti dai principi contabili adottati dall’impresa”. Il richiamo generico ai principi contabili ha reso opportuno incorporare l’Interpretativo nel testo dell’Oic 12, come parte integrante del principio contabile”.
 
Dall’analisi del nuovo Oic 12 emergono le seguenti novità e precisazioni:
  • nel definire l’ambito di applicazione (paragrafi 3 e 4) viene precisato che il principio è raccomandato anche per la redazione del bilancio delle società di persone e le imprese individuali che svolgono attività commerciale
  • nel paragrafo 11, dedicato alla definizione dello schema di stato patrimoniale, viene precisato che “l’articolo 2424 codice civile prescrive uno schema obbligatorio…”, mentre nel paragrafo 14 che “lo schema completo di stato patrimoniale da redigersi secondo quanto previsto dall’articolo 2424 è presentato nell’appendice A
  • per quanto concerne l’analisi e le disposizioni relative alle singole voci di conto economico, il principio effettua una articolata trattazione a partire dal paragrafo 37 fino al paragrafo 109, alla cui lettura si rimanda
  • vengono illustrare, in appendice al principio, le norme del codice civile che disciplinano la presentazione dello stato patrimoniale, del conto economico e della nota integrativa, precisando che una disposizione del codice civile è richiamata nel corpo dell’Oic 12 solo quando il principio fornisce delle interpretazioni e/o integrazioni della stessa norma
  • sono state formulate ulteriori precisazioni riguardanti i principi di classificazione e rappresentazione delle voci negli schemi di stato patrimoniale e conto economico (contenuti nell’articolo 2423-ter del codice civile), con particolare riguardo a suddivisione, raggruppamento, aggiunta, adattamento e comparazione delle voci
  • è stato rivisto il contenuto delle voci del conto economico per tener conto degli aggiornamenti realizzati sui principi contabili Oic. Ad esempio, con riferimento alla rilevazione degli accantonamenti nel conto economico, sono state effettuate alcune precisazioni per coordinare la disciplina contenuta nell’Oic 31 “Fondi per rischi e oneri e Trattamento di fine rapporto”.
Vengono fornite ulteriori precisazioni che identificano l’ordine standard da seguire nella redazione della nota integrativa. Infatti, è specificato che le informazioni da includere nella nota integrativa sono presentate secondo l’ordine in cui le relative voci sono indicate negli schemi di stato patrimoniale e conto economico. Viene anche richiesto di fornire ulteriori precisazioni con riguardo all’informazione di cui all’articolo 2427, numero 1, relativa ai criteri di valutazione adottati dalla società.
 
Sempre in tema di redazione e classificazione di bilancio, viene stabilito che se un elemento dell’attivo e del passivo ricade sotto più voci dello schema, l’iscrizione dell’elemento è effettuata nella voce che il redattore del bilancio ritiene possa essere più rilevante rispetto alle esigenze conoscitive degli utilizzatori del bilancio, salvo i casi in cui i principi contabili non prevedano un trattamento specifico.
 
Di rilievo, è l’intervento teso a chiarire la definizione di attività straordinaria. È previsto, infatti, che “L’attività straordinaria include i proventi e gli oneri la cui fonte è estranea all’attività ordinaria della società. Sono considerati straordinari i proventi e gli oneri che derivano da: a) eventi accidentali ed infrequenti; e b) operazioni infrequenti che sono estranee all’attività ordinaria della società”. Sul tema, l’Oic 12 è stato opportunamente coordinato con il principio Oic 29.
 
Si segnala, inoltre, che proprio il tema della straordinarietà potrebbe perdere d’importanza a causa della prossima modifica della struttura del bilancio derivante dal recepimento, nel nostro ordinamento, della nuova direttiva contabile europea. Infatti, a seguito di tale recepimento, l’area straordinaria potrebbe essere espunta dalla nuova struttura di conto economico.
 
Come detto in premessa, anche le appendici hanno subito una rivisitazione.
Il principio contabile presenta, nell’appendice A, la novità del richiamo ad alcune norme del codice civile dedicate ai consorzi, mentre l’appendice B viene dedicata al tema delle semplificazioni previste per il bilancio in forma abbreviata.
 
Inoltre sono state riviste le seguenti appendici:
  • C – informativa sugli strumenti finanziari partecipativi
  • D – operazioni di locazione finanziaria e compravendita (leasing e sale/lease back)
  • E – operazioni di compravendita con obbligo di retrocessione
  • F – informativa sull’attività di direzione e coordinamento di società
  • G– informativa relativa a operazioni con parti correlate e accordi fuori bilancio.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/analisi-e-commenti/articolo/principi-contabili-nazionali-interventi-rinnovamento-11