Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Analisi e commenti

Pronunce tributarie in Rete:
dalla Cassazione alla collettività

Merita attenzione l’iniziativa dell’Organo collegiale che punta sulla trasparenza e pubblica il massimario semestrale della giurisprudenza tributaria della Corte

Thumbnail

È online sul sito della Corte di cassazione la prima edizione della “Rassegna semestrale delle pronunce della Corte di cassazione in materia tributaria”. La raccolta, a cura dell’ufficio del Massimario, si affianca alla rassegna mensile della giurisprudenza civile della Corte suprema e si pone come strumento di conoscenza veloce e maneggevole, facilmente fruibile sia dagli esperti della materia che dagli studiosi del diritto provenienti da altre esperienze professionali, dagli addetti ai lavori, ma anche dagli stessi contribuenti.
La pubblicazione è inserita anche nel portale del Massimario, così da consentire a tutti, anche ai cittadini-contribuenti, di fruirne senza bisogno di acquistare un testo cartaceo o un abbonamento on line.
 
Il direttore della rassegna, Camilla Di Iasi, precisa che “coerenza e prevedibilità della giurisprudenza di legittimità costituiscono (…) il primo e più importante strumento di attuazione del principio costituzionale di uguaglianza dei cittadini dinanzi alla legge (…) laddove l’incoerenza ed imprevedibilità della giurisprudenza non possono che creare situazioni di disuguaglianza, e (…) determinare un aumento del contenzioso (con deleteri effetti sulla ragionevole durata dei processi) incentivando ricorsi meramente “esplorativi” e vanificando l’effetto disincentivante che potrebbe avere una giurisprudenza consolidata”.
 
La fondamentale funzione di nomofilachia, già attribuita alla Cassazione dal primo ordinamento giudiziario dello Stato italiano (regio decreto n. 2626/1865), è stata successivamente riproposta nella legge sull’ordinamento giudiziario del 1941 (Rd n. 12/1941) che, all’articolo 68, prevede l’istituzione dell’ufficio del Massimario e del Ruolo come strumento inteso a contribuire alla realizzazione delle competenze della Corte di cassazione. L’esigenza di conoscenza dei precedenti è ancora più pregnante oggigiorno, se si pensa che solo con riguardo al solo settore civile nel 2017 sono stati emessi in cassazione 31.240 provvedimenti e che l’archivio informatico delle massime comprende ben 4.830 documenti. Nel solo anno 2019, al 5 giugno, la sezione V tributaria ha già pubblicato 3.823 provvedimenti tra sentenze, ordinanze e decreti.
 
L’iniziativa dell’ufficio del Massimario, pertanto, è particolarmente meritevole di attenzione, contribuendo a mettere ordine in una materia che, più di altre, si caratterizza per frammentarietà, precarietà e mancanza di sistematicità.
Il linguaggio utilizzato è volutamente adeguato alle finalità della comunicazione e alle caratteristiche della trattazione e, dunque, meno improntato al formalismo e alle ascendenze romanistiche, ponendosi come “racconto” giurisprudenziale che, di semestre in semestre, accompagna gli utenti, esperti o semplici contribuenti desiderosi di conoscere meglio la disciplina tributaria.
 
La rassegna si articola in cinque parti (“Questioni di carattere generale”, “Imposte dirette”, “Imposte indirette”, “Imposte locali”, “Il processo”) e annovera numerosi capitoli di interesse diretto e immediato per il contribuente, quali “I rimborsi”, “I condoni”, “Le agevolazioni”, “L’imposta di registro” e “L’imposta di successione”.
 
L’opera si occupa altresì dei rapporti tra il diritto tributario nazionale e le così dette “fonti internazionali del diritto tributario”, che sempre più spesso irrompono nel nostro ordinamento giuridico in virtù di accordi sovranazionali e/o di norme e pronunce internazionali, trovando diretta applicazione (pensiamo ai Trattati, ai Regolamenti comunitari e alle decisioni della Corte di giustizia Ue).
Il sito della Corte suprema, peraltro, consente a tutti gli utenti la consultazione gratuita ed in tempo reale delle sentenze di legittimità in materia tributaria direttamente disponibili in formato pdf.
 
Ricordiamo infine che il cittadino può anche accedere al sito istituzionale dell’Agenzia delle entrate per consultare i documenti di prassi che rappresentano l’interpretazione normativa dell’Agenzia, vale a dire circolari, risoluzioni e “risposte alle istanze di interpello e consulenza giuridica o, più genericamente, per ricercare disposizioni, prassi e giurisprudenza tributaria, collegandosi al sito della documentazione tributaria.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/analisi-e-commenti/articolo/pronunce-tributarie-rete-dalla-cassazione-alla-collettivita