Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Accordo Entrate - Federbasket.
Squadra che vince non si cambia

Rinnovato il protocollo d’intesa che prevede lo scambio di informazioni per verificare l’equilibrio finanziario delle società sportive professionistiche di pallacanestro

Thumbnail
L’Agenzia delle Entrate e la Federazione italiana pallacanestro scendono in campo, anche quest’anno, per affrontare la partita dei controlli. I numeri uno dei due enti, rispettivamente il direttore Attilio Befera e il presidente Giovanni Petrucci, hanno firmato l’accordo in base al quale l’Agenzia riscontrerà e comunicherà il corretto assolvimento degli obblighi tributari da parte dei nominativi segnalati dalla Fip.
 
La federazione, infatti, entro due giorni dalla firma del protocollo, fornirà l’elenco delle società sportive professionistiche (denominazione sociale e codice fiscale/partita Iva) per procedere alla verifica degli adempimenti.
 
I riscontri dell’Agenzia riguarderanno:
  • la presentazione delle dichiarazioni per il periodo d’imposta 2011
  • i pagamenti di Ires, Irap, Iva e ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente, risultanti dalle dichiarazioni relative al 2011
  • il pagamento rateale delle somme dovute a seguito della liquidazione delle imposte e delle ritenute per gli anni 2006-2010
  • il versamento delle somme relative ad atti divenuti definitivi, con cartelle notificate entro il 30 aprile 2013.
Gli esiti dei riscontri saranno comunicati alla Fip entro il 31 maggio 2013. Le informazioni viaggeranno con modalità sicura e controllata, attraverso cd crittografati e protetti da password. I dati personali saranno trattati nel rispetto delle misure di sicurezza e dei vincoli di riservatezza previsti dal “Codice della privacy” (decreto legislativo n. 196/2003).
 
Il protocollo è valido fino al 28 febbraio 2014, termine entro il quale sarà deciso un eventuale rinnovo per le stagioni sportive successive.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/accordo-entrate-federbasket-squadra-che-vince-non-si-cambia