Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Autotrasporto, modalità di utilizzo del credito d'imposta

Il ministero competente predispone e comunica l'elenco delle imprese ammesse al beneficio All'agenzia delle Entrate il compito di recuperare le eventuali somme non spettanti

Thumbnail
Il ministero dei Trasporti, con il decreto 5 marzo 2008 pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 22 aprile, ha disciplinato le modalità per la fruizione, sotto forma di credito di imposta, del contributo a favore delle imprese di autotrasporto previsto dal Dpr 227/2007. Il bonus è utilizzabile esclusivamente in compensazione tramite modello F24 al momento dei versamenti unitari delle imposte, dei contributi e delle altre somme a favore dello Stato, degli enti locali e di quelli previdenziali. L'importo spettante dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi dell'anno in cui l'agevolazione è riconosciuta e in quelle relative ai periodi d'imposta nei quali il credito viene utilizzato.

Si ricorda che con decreto legge 81/2007 è stato approvato il regolamento relativo al Fondo per le misure di accompagnamento della riforma dell'autotrasporto merci e per lo sviluppo della logistica, istituito dalla legge finanziaria per il 2006. L'obiettivo è quello di contribuire al miglioramento della mobilità del sistema Paese e di porre le imprese in condizioni di competere sul mercato nazionale ed europeo, con lo sviluppo di forme di multimodalità e di processi di aggregazione, mirando a una più efficace applicazione delle tecniche di logistica nella movimentazione delle merci.

Rientrano nella categoria degli interventi agevolabili gli investimenti in impianti tecnologici, informatici e telematici, in aree attrezzate per favorire la sosta dei veicoli pesanti e la custodia delle merci, in attrezzature e dispositivi per migliorare la sicurezza e l'impatto ambientale del trasporto stradale, nonché gli interventi volti a realizzare l'utilizzo di modalità di trasporto alternative al trasporto stradale e iniziative per la formazione del personale.

Il dipartimento dei Trasporti terrestri trasmetterà all'agenzia delle Entrate, entro trenta giorni dall'approvazione della graduatoria, l'elenco delle imprese ammesse a fruire del credito d'imposta. Se dall'esito dei controlli risulta un credito d'imposta non spettante (tutto o in parte), la revoca del beneficio viene comunicata all'Agenzia, che dovrà provvedere al relativo recupero. Gli stessi uffici dell'Amministrazione finanziaria informeranno il dipartimento dei Trasporti dell'eventuale indebita fruizione del credito accertata nell'ambito dei controlli istituzionali.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/autotrasporto-modalita-utilizzo-del-credito-dimposta